Aeroporti: intesa tra Campania e Basilicata per volare insieme

aeroporto-salerno-esterno-piu-mezzogiorno

Puntare sul potenziamento dei collegamenti aerei tra Campania e Basilicata per aumentare le occasioni di crescita economica delle due regioni. Si snoda lungo l’asse Salerno – Matera il nuovo progetto di collaborazione istituzionale che ha il suo fulcro nell’intesa, con firma prevista per questa mattina, fra i due comuni capoluogo di provincia per il rilancio della pista Mattei, l’aeroscalo di Pisticci sul quale, sia la Basilicata che la Campania, vogliono investire per far decollare gli aeroporti del Sud. A far da cornice all’accordo la designazione di Matera capitale europea della cultura, un’occasione “vera di sviluppo e valorizzazione del territorio, volano di crescita e coesione per Matera, al Basilicata e i territori contermini” come recita la premessa del protocollo d’intesa tra il capoluogo lucano e la città di Salerno.

I partner – Accanto all’intesa tra le città di Matera e Salerno, il rilancio dello scalo aereo di Pisticci –e la sua integrazione nel sistema di collegamenti tra Campania e Basilicata- passa attraverso un accordo di partenariato che vede la partecipazione, oltre ai due capoluoghi già citati, della Provincia di Salerno, della Camera di Commercio e di Confindustria Salerno, dei Dipartimenti Infrastrutture ed Agricoltura della Regione Basilicata, del Consorzio Asi di Matera, del Comune di Potenza, delle Camere di Commercio di Matera e Potenza, di Confindustria Basilicata. Enti ed istituzioni intenzionate a sostenere fortemente la nascita di collegamenti aerei tra Salerno e lo scalo di Pisticci.

aeroporto-salerno-interni-piu-mezzogiorno

Il check-in dell’aeroporto di Salerno

Lo scalo – Nato negli anni ’60 su iniziativa di Enrico Mattei, lo scalo di Pisticci è costituito oggi da un’aerostazione, una torre di controllo, un hangar e da una pista lunga 1.440 e larga 30 metri. Ad un periodo di inutilizzo durato diversi anni ha fatto seguito, nel 2007, l’affidamento alla Regione Basilicata con un progetto che prevede la sua trasformazione in aeroporto civile di terzo livello. Nel 2014 il Consorzio per lo Sviluppo Industriale di Matera ha affidato la gestione dello scalo alla società aerotaxi Winfly con sede a Pontecagnano, in provincia di Salerno.

Il progetto – Se l’obiettivo di fondo è quello di promuovere la crescita economica e dell’occupazione nelle due regioni meridionali –attraverso appunto la creazione di collegamenti aerei tra Pisticci e Salerno- due, in particolare, sono i settori su cui si punta per raggiungere questo ambizioso traguardo: turismo e nuovi servizi per le imprese. Sul primo versante l’idea è quella di creare una rete di collegamento fra siti archeologici di Campania e Basilicata ed al servizio di percorsi di turismo culturale, naturalistico, ambientale ed enogastronomico; il tutto senza dimenticare la possibilità di collegare Matera e Salerno attraverso pacchetti integrati di soggiorno vacanze e di favorire la partecipazione a eventi turistici rilevanti a breve, medio e lungo termine. Alle imprese, invece, si vuole offrire una nuova possibilità di sostegno all’esportazione grazie all’accesso rapido ai mercati nazionali ed esteri consentito dai vettori aerei, oltre ad una maggiore facilità di partecipazione a fiere ed eventi.

Il convitato di pietra – In questo ambizioso progetto un ruolo di primo piano è chiamato a svolgerlo anche l’aeroporto di Salerno, di cui la Regione Basilicata è socio di maggioranza da un paio di anni ormai. Un aeroporto che, tuttavia, è ancora ben lungi dall’essere realmente decollato. L’attesa per i lavori di adeguamento della pista, presupposto per l’apertura a regolari voli di linea, sembra protrarsi senza fine, relegando lo scalo aeroportuale salernitano ad un ruolo decisamente più limitato rispetto a quello che il suo bacino d’utenza potenziale potrebbe consentirgli. E’ evidente che lo stesso progetto di collegamento con lo scalo di Pisticci non può prescindere dalla risoluzione degli ormai atavici problemi gestionali ed operativi dell’aeroporto di Salerno.

 

 

 

Clemente Ultimo
Clemente Ultimo
Clemente Ultimo – vicedirettore Più Mezzogiorno – Giornalista professionista, classe ’76, si è occupato per diversi quotidiani (Corriere del Mezzogiorno ed Il Mattino tra gli altri) di politica, economia, sanità. Ha curato la comunicazione istituzionale per il Consorzio Aree di Sviluppo Industriale di Salerno. Scrive articoli di geopolitica e politica internazionale per una rivista tematica online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *