Basilicata: 3,7 milioni per promuovere le eccellenze agricole

aratura-agricoltura-più-mezzogiorno

Un fondo di 3,7 milioni di euro per sostenere la promozione dei prodotti agricoli di qualità made in Basilicata. A tanto ammonta la dotazione finanziaria prevista dal bando Sottomisura 3.2 del Piano di Sviluppo Rurale per la Basilicata 2014-2020. L’obiettivo è quello di favorire associazioni e gruppi di produttori –composti da minimo sette produttori primari- nel lavoro di promozione in Italia ed all’estero dei prodotti lucani di eccellenza, con un’attenzione particolare alla crescita dell’export agricolo di alta gamma. Fondamentale, in quest’ottica, un attento lavoro di pianificazione che possa sfruttare al meglio l’onda di attenzione verso il territorio lucano e le sue eccellenze prodotta dall’assegnazione alla città di Matera del ruolo di capitale europea della cultura per il 2019.

Misure e traguardi – I dettagli del bando sono stati illustrati nel corso di una conferenza stampa dall’assessore regionale Luca Braia e dal responsabile di misura Giovanni Oliva. “L’obiettivo della Misura 3.2 –spiega Giovanni Oliva- è quello di migliorare la competitività dei produttori primari integrandoli meglio nella filiera agroalimentare attraverso i regimi di qualità, la creazione di un valore aggiunto per i prodotti agricoli, la promozione dei prodotti nei mercati locali, le filiere corte, le associazioni e organizzazioni di produttori e le organizzazioni interprofessionali. Saranno finanziati programmi di informazione/promozione, con un orizzonte temporale da 1 a 3 anni e, nello specifico, azioni di informazione, azioni di promozione a carattere pubblicitario, azioni di promozione in senso lato”. Sugli obiettivi di più ampio respiro è intervenuto, poi, l’assessore Braia. La Basilicata dell’agroalimentare –sottolinea il titolare delle politiche agricole- vuole cogliere la straordinaria occasione di rilanciarsi sul mercato nazionale ed internazionale utilizzando la buona reputazione che ha oggi. Con questo bando relativo alla misura 3.2 del Psr Basilicata 2014-2020, riservato ai soggetti che producono prodotti a marchio certificato Ue e che assegnerà oltre 3,7 milioni di euro di contributo, lo sforzo da compiere dovrà essere quello di capitalizzare al massimo il lavoro in corso di sostegno e spinta alla riorganizzazione del sistema produttivo agricolo lucano.  Programmare le attività di promozione in maniera pluriennale, definire gli obiettivi da raggiungere e i target dei consumatori a cui rivolgersi, razionalizzare gli investimenti facendo sistema e legando le promozioni in maniera inscindibile al territorio, sono le novità che rappresentano la strategia che è alla base di questo bando”.

Clemente Ultimo
Clemente Ultimo
Clemente Ultimo – vicedirettore Più Mezzogiorno – Giornalista professionista, classe ’76, si è occupato per diversi quotidiani (Corriere del Mezzogiorno ed Il Mattino tra gli altri) di politica, economia, sanità. Ha curato la comunicazione istituzionale per il Consorzio Aree di Sviluppo Industriale di Salerno. Scrive articoli di geopolitica e politica internazionale per una rivista tematica online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *