Il 2016 anno record per i musei campani

paestum-templi-cultura-piu-mezzogiorno

Ci sono i musei ed i siti archeologici campani a fare da traino al vero e proprio record di presenze ed incassi registrati, nel corso del 2016, dalla rete museale italiana. Risultati ufficializzati dal ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini nel corso di una conferenza stampa voluta proprio per fare un bilancio delle iniziative messe in cantiere nel corso dell’anno. Iniziative che hanno portato ad un aumento del 4% dei visitatori –arrivati a quota 44,5 milioni- e del 12% degli incassi -172 milioni di euro- rispetto al 2015. “Risorse preziose —assicura Franceschini— che torneranno interamente ai musei secondo un sistema che premia le migliori gestioni e al contempo garantisce le piccole realtà. Si tratta del terzo anno consecutivo di crescita per i musei statali, che da 38 milioni di biglietti nel 2013 sono passati a 44,5 milioni nel 2016”.

Il record Campania – In questo scenario di crescita della domanda culturale registrano buoni risultati, in generale, un po’ tutte le realtà museali del Mezzogiorno, ma è la Campania a far registrare un vero e proprio boom. Seconda regione d’Italia in assoluto per visitatori –oltre otto milioni di ingressi, con un aumento del 14,2% rispetto al 2015- la Campania vede alcune delle sue strutture museali ed archeologiche in crescita esponenziale. L’area archeologica di Pompei è, in assoluto, il terzo sito più visitato d’Italia, con 3,2 milioni di turisti nel 2016. Ma ottime percentuali di crescita fanno registrare anche la Reggia di Caserta, dove nel 2016 è arrivato il 37% in più di turisti, il parco archeologico di Paestum, con una crescita del 27% delle presenze, ed il Museo archeologico di Napoli, con un aumento dei visitatori pari al 18%. “Dati positivi —commenta il ministro Franceschini— che collocano l’Italia in netta controtendenza rispetto al contesto europeo dove invece si registra anche nel 2016 un calo dei visitatori nei musei”.

Clemente Ultimo
Clemente Ultimo
Clemente Ultimo – vicedirettore Più Mezzogiorno – Giornalista professionista, classe ’76, si è occupato per diversi quotidiani (Corriere del Mezzogiorno ed Il Mattino tra gli altri) di politica, economia, sanità. Ha curato la comunicazione istituzionale per il Consorzio Aree di Sviluppo Industriale di Salerno. Scrive articoli di geopolitica e politica internazionale per una rivista tematica online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *