Report Istat: disoccupazione giovanile al 40%

operai-cassa-integrazione-cantiere

Disoccupazione in crescita nelle ultime settimane del 2016. L’indicazione arriva dai dati Istat, diffusi nella giornata di oggi, relativi al mese di novembre 2016. Il quadro statistico mostra, come anticipato, un aumento dei disoccupati del +1,9%. Il tasso di disoccupazione, su base nazionale, arriva dunque a toccare quota 11,9%. Ovvero, tradotto in cifre, oggi in Italia ci sono circa tre milioni di senza lavoro. Si tratta del risultato peggiore dal giugno 2015, quando il tasso di disoccupazione si attestò al 12,2%. In questo quadro, di per sé non certo confortante, spicca in negativo il dato relativo alla disoccupazione giovanile, che arriva a sfiorare il 40% (39,4% per la In aumento la disoccupazione a fine 2016. L’ultimo dato reso noto dall’Istat sull’andamento del lavoro in Italia è relativo al mese di novembre precisione).

L’andamento trimestrale – Il lieve aumento del numero degli occupati – 19mila unità nel mese di novembre 2016- non è dunque bastato a compensare il calo generale dei posti di lavoro. Su base trimestrale i dati dell’Istat mostrano come nel periodo settembre-novembre si registri un lieve calo degli occupati rispetto al trimestre precedente (-0,1%, pari a -21 mila). Il calo interessa gli uomini, le persone tra 15 e 49 anni e i lavoratori dipendenti, mentre si rilevano segnali di crescita per le donne e gli over 50. Nel periodo settembre-novembre al lieve calo degli occupati si accompagna la crescita dei disoccupati (+2,4%, pari a +72 mila) e il calo delle persone inattive (-0,6%, pari a -78 mila).

Clemente Ultimo
Clemente Ultimo
Clemente Ultimo – vicedirettore Più Mezzogiorno – Giornalista professionista, classe ’76, si è occupato per diversi quotidiani (Corriere del Mezzogiorno ed Il Mattino tra gli altri) di politica, economia, sanità. Ha curato la comunicazione istituzionale per il Consorzio Aree di Sviluppo Industriale di Salerno. Scrive articoli di geopolitica e politica internazionale per una rivista tematica online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *