Provinciali Salerno, è caccia ai deluchiani ribelli: spuntano 3 foto del voto

Sono sempre più incadescenti le polemiche all’interno del Pd salernitano rispetto al voto di ieri delle provinciali. Atmosfera da “santa inquisizione” quella che si respira a Palazzo Guerra, dove il sindaco Enzo Napoli si è ritrovato praticamente in minoranza, avendo perso per strada 15 voti sui 26 totali della coalizione che sostiene il lavoro della sua giunta. Telefonate chilometriche ma anche tanti silenzi. Di circostanza, ovviamente, visto che tutti hanno paura di parlare per timore di finire nella lista nera.

Spuntano le fotografie del voto pro Napoli. Le indiscrezioni provenienti da Palazzo di Città vanno oltre ogni immaginazione. Sono sempre più insistenti le notizie circa alcune fotografie delle schede votate che in queste ore stanno circolando nella sede comunale, note addirittura allo stesso staff politico del primo cittadino. “Posso confermare poichè ho visto personalmente una di queste foto – sottolinea a denti stretti uno dei fedelissimi del governatore De Luca – che alcuni consiglieri di maggioranza hanno ripreso con lo smartphone la propria scheda elettorale dopo l’espressione del voto, immagini poi condivise con l’entourage politico di Palazzo Guerra. Una cosa gravissima e che fa capire che clima si respira nel nostro schieramento e che livello generale di sfiducia ci sia“. Ora c’è da capire chi abbia scattato le foto e soprattutto se ci sia stata una precisa indicazione a farlo. Ma già tali indiscrezioni confermano senza timore di smentita che i deluchiani – politicamente parlando – non esistono più. O quasi.

Chiarimento sempre più imminente. La notizia del flop di Enzo Napoli è andata oltre i confini cittadini. Dal Nazareno fanno sapere che la segreteria nazionale del Pd ha logicamente “attenzionato” tutte le competizioni provinciali. E quella di Salerno era tra le più attese, visto che comunque coinvolge in prima persona anche il governatore della Campania Vincenzo De Luca. Commenti al veleno in queste ore girano nei corridoi romani, con l’ex premier Renzi che avrebbe addirittura ironizzato sull’ennesima magra figura politica “made in Salerno”. Anche per questo motivo, tutti in maggioranza invocano un chiarimento politico, che potrebbe avvenire anche a fine settimana.

Umberto Adinolfi
Umberto Adinolfi
Classe 1972, giornalista professionista. Redattore interno e collaboratore per diversi quotidiani a diffusione regionale e nazionale (Corriere del Mezzogiorno, NewPress), nonché per l’agenzia stampa Asca Campania, dal 2012 lavora come freelance per l’edizione salernitana del quotidiano “Il Mattino”, impegnato nella redazione Politica. Dal 2012 è direttore responsabile del periodico “Paperboy”, unica testata giornalistica in Italia interamente realizzata da praticanti giornalisti affetti da disabilità psichiche e motorie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *