Reggia di Caserta, un treno anni ’30 per raggiungere il sito

Raggiungere la Reggia di Caserta a bordo di un treno con carrozze degli anni ‘30, accompagnati da guide che illustreranno ai viaggiatori le bellezze del sito borbonico. Un’esperienza che sarà possibile vivere la prossima domenica, quando effettuerà la sua prima corsa il Reggia Express. Il convoglio -composto da due vetture “cento porte” inaugurate nel 1928 e da una, divisa in scompartimenti, realizzata nel 1932- percorrerà la linea Napoli-Cancello-Caserta, trasportando circa 230 viaggiatori dalla stazione centrale di Napoli al palazzo reale borbonico.

L’iniziativa – L’attivazione del treno storico sulla tratta Napoli – Caserta è frutto dell’intesa tra la Fondazione Fs e la direzione del Palazzo Reale, intesa nata con l’obiettivo di ampliare l’offerta turistica legata alla Reggia borbonica. Puntando ad un ulteriore valorizzazione del sito e, quindi, all’aumento dei visitatori. “Per il momento faremo solo un viaggio sperimentale -dice Luigi Cantamessa, direttore della Fondazione Fs, a margine della presentazione dell’iniziativa- ma se la Regione ci darà il supporto economico da noi già richiesto potremo rendere questa iniziativa ordinaria, con corse previste per tutto l’anno ogni due domeniche al mese. Il turismo ferroviario è ancora poco promosso in Italia, dove i vagoni storici percorrono 400 chilometri di rotaie dalla Valle dei Templi di Agrigento ai Colli Senesi; in due anni però siamo passati da 8mila viaggiatori nel 2015 a 70mila nel 2016. In Nord Europa incassano invece milioni di euro con i treni storici”. L’idea alla base del progetto del Reggia Express è quella di realizzare un collegamento dei principali siti storici ed artistici della Campania –Santa Maria Capua Vetere, Pompei, giusto per citarne alcuni- utilizzando convogli ferroviari d’epoca.

Tariffe – Il biglietto per la prima corsa del Reggia Express può essere acquistato presso ogni stazione ferroviaria e sul sito di Trenitalia. Al costo di 18 euro -9 euro per i ragazzi dai 6 ai 18 anni, gratuito per i più piccoli- si avrà diritto anche all’ingresso alla Reggia ed alla degustazione, durante il viaggio, della mozzarella di bufala di Caserta fornita dal Consorzio di tutela della mozzarella di bufala campana dop. E non solo: i visitatori saranno accolti nella sala Romanelli del palazzo reale e guidati dai vertici del Consorzio in una degustazione di bocconcini, trecce e affumicate, un affascinante percorso nella storia del principale prodotto a marchio Dop del centro sud Italia. Per l’occasione lo chef Giuseppe Daddio, della scuola di cucina “Dolce & Salato” di Maddaloni preparerà una serie di piatti, rielaborando con la sua creatività la bufala campana Dop. Un modo per unire alla valorizzazione di un sito storico-culturale la promozione delle tipicità enogastronomiche del territorio. La partenza da Napoli è prevista per le 10, il rientro da Caserta per le 18.

Clemente Ultimo
Clemente Ultimo
Clemente Ultimo – vicedirettore Più Mezzogiorno – Giornalista professionista, classe ’76, si è occupato per diversi quotidiani (Corriere del Mezzogiorno ed Il Mattino tra gli altri) di politica, economia, sanità. Ha curato la comunicazione istituzionale per il Consorzio Aree di Sviluppo Industriale di Salerno. Scrive articoli di geopolitica e politica internazionale per una rivista tematica online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *