Sinistra Italiana, a Salerno prime mosse in vista del congresso nazionale

sinistra-italiana-piu-mezzogiorno

Il 17 febbraio prossimo a Rimini nascerà ufficialmente Sinistra Italiana, il nuovo soggetto politico nato dall’assemblaggio di diverse forze politiche – da Sel a pezzi fuoriusciti del Pd e da Rifondazione Comunista – che dopo la vittoria del No al referendum costituzionale, punta ad aggregare tutto quel mondo della “sinistra alternativa al Pd” in un unico grande contenitore che sia capace di far convivere valori ed ideali comuni sotto un nuovo simbolo, abbandonando gli arroccamenti partitici che fino ad oggi non hanno giovato a quel processo di rigenerazione del campo della sinistra, soltanto teorizzato ma mai concretizzato realmente.

L'ex segretario provinciale dei Ds di Salerno, Alfredo D'Attore

L’ex segretario provinciale dei Ds di Salerno, Alfredo D’Attore

Anche in Campania e a Salerno il processo di avvicinamento alla fase congressuale può dirsi ormai partito. Anche perchè proprio dalla nostra regione e dalla nostra provincia provengono alcuni dei principali leader del nuovo soggetto politico: dai deputati Arturo Scotto e Alfredo D’Attorre, passando per il senatore Peppe De Cristofaro. L’ex segretario dei Ds, politicamente esiliato da anni dalla sua città natale, Salerno, ora punta a guidare il nuovo soggetto politico e proprio in questi gironi pare siano diventati sempre più frequenti i contatti con amici ed iscritti Pd, sempre più in dissenso non solo con la linea nazionale, dettata dal segretario Matteo Renzi, ma anche con quella locale dove il deus ex machina è, ovviamente, il governatore della Campania, Vincenzo De Luca.

Il 20 gennaio prossimo nei locali di Spazio Donna a Salerno (via Gaetano Quagliariello, 29) è prevista la prima uscita pubblica del nuovo soggetto con un’iniziativa dal tema abbastanza esplicito: “Il Sud, il lavoro, la Sinistra: verso il congresso fondativo di Sinistra Italiana”, in programma alle ore 18. Chi parteciperà? Tra i nomi certi ci sono quelli di Arturo Scotto e dell’attuale coordinatore provinciale di Sel, Franco Mari. Non ci sarà invece Rifondazione Comunista la cui segretaria provinciale,  Loredana Marino dovrebbe invece portare i saluti all’assemblea pre-congressuale in programma il 5 febbraio.

 

L'ex segretario regionale della Cgil, Franco Tavella

L’ex segretario regionale della Cgil, Franco Tavella

In vista del primo appuntamento ufficiale, le manovre per “rinforzare” fin da subito la pattuglia salernitana sono già cominciate. E tra i primi ad aver ufficialmente aderito a Sinistra Italiana c’è l’ex segretario provinciale e regionale della Cgil, Franco Tavella, che proprio nelle ultime ore avrebbe ufficializzato il suo passaggio in Si sancendo l’uscita dal Pd, quasi fisiologica dopo aver sostenuto le ragioni del No al referendum costituzionale e in vista dei nuovi referendum proposti dalla Cgil su voucher e appalti. Tavella potrebbe portare con sè altri pezzi del sindacato, a cominciare dall’ex segretaria generale Maria Di Serio. Staremo a vedere. Chi ha invece già sposato il nuovo progetto è l’ex sindaco di Cava dè Tirreni, Marco Galdi, che ha bagnato il suo passaggio a sinistra con la candidatura alle ultime provinciali.

Nonostante l’elezione non sia stata centrata, la lista “La Provincia di Tutti”, ispirata dal consigliere comunale di Salerno, Gianpaolo Lambiase, ha comunque avuto il merito di essere riuscita a tenere insieme quasi tutte le anime della sinistra. Dopo la buona affermazione ottenuta alle elezioni amministrative di maggio 2016 con la lista “Salerno di Tutti”, l’ex assessore provinciale si è confermato uomo del dialogo per ricompattare la sinistra. E non è poco. E altri ancora potrebbero avvicinarsi. Dall’avvocato Peppino Cacciatore a Ferdinando Argentino, entrambi in prima linea durante la campagna per il referendum del 4 dicembre scorso.

Mattia Carpinelli
Mattia Carpinelli
Nato a Salerno, giornalista pubblicista dal 2008, collabora - ed ha collaborato - con diverse testate locali (La Città di Salerno, Il Mattino-Salerno, Radio Alfa) occupandosi di cronaca, politica, ambiente, sanità, lavoro. Ascolta tanta musica che nessuno conosce e qualche volta riesce anche a finire dei libri comprati mesi prima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *