Battesimo di Campania Libera, De Luca chiama i fedelissimi da Salerno

vincenzo-de-luca

Mancano poco meno di tre ore all’inizio del convegno – organizzato presso il Teatro Gelsomino di Afragola – che dovrebbe tenere a battesimo il neonato movimento politico “Campania Libera”. Il passaggio tecnico da lista civica di programma a vera e propria entità partitica è stato fortemente voluto dal governatore della Campania Vincenzo De Luca, stanco dello stillicidio di notizie provenienti da Roma circa la sua condizione di “limbo” all’interno del partito democratico guidato da Matteo Renzi.

Ore 17.30: tutti ad ascoltare le parole di De Luca. Al netto di quello che è l’argomento del convegno e delle tesi che sosterranno i quattro promotori dell’iniziativa, la notizia politica – anticipata da Più Mezzogiorno nei giorni scorsi – è la sempre più vicina scissione interna al Pd, con De Luca pronto a voltare le spalle all’ex premier Renzi. Per questa data così importante, l’ex sindaco di Salerno ha convocato – in via riservatissima – molti dei suoi fedelissimi ad Afragola. Non tanto per “fare numero” – ovviamente – ma piuttosto per mostrare a tutti coloro i quali volessero entrare a fare parte della famiglia di Campania Libera che una buona base già esiste. E che il governatore non è affatto solo e in un angolo, come qualcuno vorrebbe. Pare che da Salerno si muoverà comunque un centinaio circa di fedelissimi, compresi anche alcuni amministratori locali. Top secret i loro nomi, almeno per il momento.

Gli 007 del Pd pronti a redigere il “dossier anti-De Luca”. In sala, come logico che sia, tra la folla ci saranno anche gli “inviati speciali” del partito democratico, accorsi appositamente ad Afragola per assistere al monologo di De Luca e riferire di conseguenza. Al telefono, gli 007 del Pd saranno collegati in diretta con Assunta Tartaglione, responsabile regionale del partito. Ma c’è anche chi ha il compito di redigere – via mail – un accurato dossier con le parole di De Luca, i nomi dei presenti, le note ambientali.

Umberto Adinolfi
Umberto Adinolfi
Classe 1972, giornalista professionista. Redattore interno e collaboratore per diversi quotidiani a diffusione regionale e nazionale (Corriere del Mezzogiorno, NewPress), nonché per l’agenzia stampa Asca Campania, dal 2012 lavora come freelance per l’edizione salernitana del quotidiano “Il Mattino”, impegnato nella redazione Politica. Dal 2012 è direttore responsabile del periodico “Paperboy”, unica testata giornalistica in Italia interamente realizzata da praticanti giornalisti affetti da disabilità psichiche e motorie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *