Occupazione Sud: 530 milioni di euro per assumere i “neet” in 7 regioni

Dal Governo in arrivo per le Regioni del Centro-Sud 530 milioni di euro di incentivi per nuove assunzioni a tempo indeterminato e per la trasformazione dei contratti da tempo determinato a indeterminato, privilegiando – per le nuove assunzioni – i cosiddetti “neet” quei giovani tra i 16 e i 24 anni che non studiano, non seguono percorsi formativi e, soprattutto, che non lavorano.

Gli incentivi per il 2017 – Gli incentivi stanziati dal Governo e che trovano concretezza nei decreti direttoriali firmati dal direttore generale del dipartimento per le Politiche attive del Lavoro del ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Salvatore Pirrone, sono riservati alle Regioni “meno sviluppate” come Campania, Calabria, Basilicata, Puglia e Sicilia (cui sono destinati 500 milioni di euro) e a quelle  definite dal ministero “in transizione” ovvero Abruzzo, Molise e Sardegna, alle quali spettano i 30 milioni di euro restanti.

Il fondo gestito dall’Inps – L’intera somma che è stata destinata a dicembre dal Governo guidato da Paolo Gentiloni, sarà gestita direttamente dell’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale al quale i datori di lavoro dovranno rivolgersi per chiedere l’incentivo, che sarà quantificato in base alla tipologia di rapporto e previa disponibilità finanziaria rispetto alle domande che perverranno agli uffici dell’Inps e comunque per un importo complessivo non superiore a 8.060 euro annui. L’incentivo può essere concesso anche a chi fa assunzioni a tempo ma è escluso per il lavoro domestico e accessorio e deve essere fruito, a pena di decadenza, entro il termine del 28 febbraio 2019.

Mattia Carpinelli
Mattia Carpinelli
Nato a Salerno, giornalista pubblicista dal 2008, collabora - ed ha collaborato - con diverse testate locali (La Città di Salerno, Il Mattino-Salerno, Radio Alfa) occupandosi di cronaca, politica, ambiente, sanità, lavoro. Ascolta tanta musica che nessuno conosce e qualche volta riesce anche a finire dei libri comprati mesi prima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *