Aeroporto di Salerno, ricorso al Tar contro il ministero dei Trasporti

Accelerare l’iter per l’affidamento della gestione ventennale dell’aeroporto di Salerno: è con questo obiettivo che la società “Aeroporto di Salerno – Costa d’Amalfi spa” ha deciso di fare ricorso alla giustizia amministrativa citando in giudizio il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Ad oggi, infatti, ancora non è stato sottoscritto il decreto interministeriale necessario a completare la procedura amministrativa. Lo scorso 9 gennaio è stato così notificato al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti il ricorso presentato presso il Tar Campania Sezione di Salerno avverso il silenzio inadempimento nella nomina del commissario ad acta per l’affidamento della gestione totale ventennale dell’Aeroporto di Salerno-Pontecagnano. Una vicenda, quella dell’affidamento ventennale della gestione dello scalo aeroportuale salernitano che si trascina ormai da anni, andando ad aggiungersi alle numerose difficoltà di carattere strutturale e gestionale che condizionano negativamente la vita ed il funzionamento dell’aeroporto di Salerno. Per i vertici della società è questo il presupposto indispensabile per attuare i necessari interventi infrastrutturali.

La presa di posizione –Reclamiamo –dichiara il presidente della spa Antonio Ferrarol’immediata sottoscrizione del Decreto Interministeriale di gestione totale ventennale dell’Aeroporto, a tutt’oggi non pervenuta a causa dell’ormai decennale inerzia del Ministero dell’Economia e delle Finanze. Per questo, il mio predecessore Antonio Ilardi aveva opportunamente reiterato al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti l’istanza di nomina di un commissario ad acta che surrogasse i poteri attribuiti ai ministeri competenti. Attualmente, il perdurante silenzio di tali dicasteri impedisce di conseguire il regime giuridico indispensabile per ottenere il pareggio di bilancio e rischia di determinare un differimento dell’inizio dei lavori di allungamento della pista. Per rimuovere questa condizione di stallo abbiamo deciso di rivolgerci alla giustizia amministrativa in modo da iniziare al più presto, una volta acquisiti tutti i permessi, le opere attese da tutta il Territorio campano e lucano”. Sulla questione è intervenuto anche il parlamentare del Movimento 5 Stelle Girolamo Pisano, secondo cui “ha fatto bene la società di gestione dello scalo a presentare ricorso al Tar con messa in mora del MEF, con tanto di richiesta di commissario ad acta per il rilascio della concessione definitiva. Questo assurdo rallentamento burocratico sembra essere diventata un’incomprensibile prassi al Ministero delle Finanze”.

Clemente Ultimo
Clemente Ultimo
Clemente Ultimo – vicedirettore Più Mezzogiorno – Giornalista professionista, classe ’76, si è occupato per diversi quotidiani (Corriere del Mezzogiorno ed Il Mattino tra gli altri) di politica, economia, sanità. Ha curato la comunicazione istituzionale per il Consorzio Aree di Sviluppo Industriale di Salerno. Scrive articoli di geopolitica e politica internazionale per una rivista tematica online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *