Rifiuti, in arrivo 25 nuovi impianti di compostaggio in Campania

L'impianto di compostaggio di Salerno

Dopo la bocciatura del piano regionale dei rifiuti da parte del ministero dell’Ambiente, il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, rilancia ancora sul tema degli impianti di compostaggio per evitare la costruzione di un secondo termovalorizzatore (quello di Salerno) inserito dal Governo nel decreto Sblocca Italia e ritenuto ancora indispensabile per sopperire al fabbisogno di incenerimento dei rifiuti in regione.

Nel corso di una conferenza stampa che si è svolta oggi a Napoli, l’ex sindaco di Salerno ha confermato la costruzione di almeno 25 nuovi impianti di compostaggio nelle province di Napoli, Caserta, Benevento e Salerno che si andranno a sommare a quelli già in funzione e all’attività dei sette impianti Stir.

“Avvieremo in tempi brevi – ha detto De Luca – un investimento di 220 milioni per 25 siti atti ad ospitare gli impianti di compostaggio che sono essenziali per rendere autonoma la Campania nel ciclo dei rifiuti ed evitare di portare fuori l’umido con costi enormi per i cittadini. Ma se vogliamo evitare, come abbiamo stabilito, la costruzione di nuovi termovalorizzatori dobbiamo provvedere a dotarsi di questi impianti. Questo ci consentirà di presentarci con serietà all’Ue per porre fine alla multa giornaliera di 120 mila euro al giorno».

I Comuni che avrebbero fatto richiesta sono Napoli per la zona est, Pomigliano, Afragola, Cancello Arnone, Caserta Lo Uttaro, Maddaloni, Rocca d’Evandro, Casal di Principe, Avellino, Conza della Campania, Chianche, Salerno, in questo caso per il potenziamento, Fisciano, San Mango Piemonte, Pontecagnano, Castelnuovo Cilento, Benevento, Baselice e poi abbiamo gli impianti di Stir«. Questi ultimi sono quelli di Caivano, Giugliano, Tufino, Battipaglia, Casalduni, Pianodardine e Santa Maria Capua Vetere.

Mattia Carpinelli
Mattia Carpinelli
Nato a Salerno, giornalista pubblicista dal 2008, collabora - ed ha collaborato - con diverse testate locali (La Città di Salerno, Il Mattino-Salerno, Radio Alfa) occupandosi di cronaca, politica, ambiente, sanità, lavoro. Ascolta tanta musica che nessuno conosce e qualche volta riesce anche a finire dei libri comprati mesi prima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *