Governo, crescono le domande per il fondo di garanzia (+11.6%)

Le aziende del Mezzogiorno rappresentano quasi il 30% del totale delle domande accolte nel 2016, sottolineando così la valenza strategica della garanzia pubblica per l’accesso al credito di piccole e medie imprese. Secondo i dati forniti dal Mise, al Sud la percentuale di crescita del numero di domande è maggiore che nel resto d’Italia, sintomo di una ritrovata dinamicità negli investimenti e nella creazione di nuove idee imprenditoriali.

I dati del ministero. Ancora un anno di forte crescita per il Fondo di garanzia: nel 2016, con un incremento dell’11,6% sul 2015, le domande accolte hanno raggiunto quota 114.487, confermando il ruolo centrale della garanzia pubblica per l’accesso al credito delle piccole e medie imprese. L’intervento gestito dal Ministero dello Sviluppo Economico ha consentito a banche e intermediari finanziari di concedere finanziamenti per 16,7 miliardi di euro, con un aumento dell’11,4% sull’anno precedente, garantendo un importo complessivo pari a 11,6 miliardi, in crescita del 13,8% rispetto al 2015. Le piccole e medie imprese che hanno avuto accesso al credito tramite la garanzia pubblica sono state 74.818, in aumento del +12,5% rispetto al 2015 (frequenti sono i casi di imprese che hanno ottenuto più di una garanzia). Tra queste, una quota rilevante ha potuto effettuare nuovi investimenti: le garanzie concesse per tale finalità segnano un incremento del 34% rispetto al 2015 (23.283 in totale), tornando ad attestarsi su una quota pari al 20,3%, in linea con gli anni pre-crisi.

La questione meridionale. Significativo è il sostegno offerto al Mezzogiorno. Sebbene la quota prevalente delle domande provenga dal Nord, dato il maggiore sviluppo imprenditoriale di questa area, la crescita più elevata spetta alle regioni del Sud Italia con riferimento sia alle domande approvate (+18,5%) sia ai finanziamenti accolti (+20,3%). Le richieste accolte provenienti dal Mezzogiorno, pari a 33.831, raggiungono una quota pari al 29,6% del totale. Rilevante è anche il ruolo della garanzia pubblica in relazione alle imprese in fase di start up (costituite da non più di 3 anni). Le operazioni accolte sono 15.060 (+5,4% rispetto al 2015), per un ammontare di finanziamenti pari a 1,3 miliardi (+5,5% rispetto al 2015). A questi dati si aggiungono quelli relativi a start-up innovative e incubatori certificati di impresa: le domande approvate crescono del 66%, attestandosi a 1.271, mentre i finanziamenti crescono del 57,2%, raggiungendo quota 273,9 milioni di euro. A livello settoriale, l’industria presenta il numero più elevato di domande ammesse (49.798 operazioni, pari al 43,5% del totale). Seguono il commercio (44.011 operazioni, pari al 38,4% del totale) e i servizi (20.369 operazioni, pari al 17,8% del totale). Dal confronto con i dati relativi al 2015, l’incremento maggiore si registra per i servizi (+22,0%), seguiti da commercio (+12,7%), e industria (+7,0%).

Umberto Adinolfi
Umberto Adinolfi
Classe 1972, giornalista professionista. Redattore interno e collaboratore per diversi quotidiani a diffusione regionale e nazionale (Corriere del Mezzogiorno, NewPress), nonché per l’agenzia stampa Asca Campania, dal 2012 lavora come freelance per l’edizione salernitana del quotidiano “Il Mattino”, impegnato nella redazione Politica. Dal 2012 è direttore responsabile del periodico “Paperboy”, unica testata giornalistica in Italia interamente realizzata da praticanti giornalisti affetti da disabilità psichiche e motorie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *