Fiom in campo per il rilancio dello stabilimento della Fca a Melfi

Fiom-Cgil-Fca-Melfi-Più-Mezzogiorno

Il caso delle emissioni fuori norma dei motori diesel di alcuni modelli Fca, con le sue possibili ripercussioni sul funzionamento di alcune linee produttive, e, più in generale, le scelte del gruppo sul futuro dello stabilimento di Melfi. Ci sono questi due elementi alla base della richiesta di mobilitare tutte le risorse disponibili per scongiurare la crisi del comparto. A fare paura, oltre i possibili esiti della vertenza europea sulle emissioni, il processo di riconversione produttiva che interesserà lo stabilimento di Melfi, presso cui a breve dovrebbe chiudere la linea di montaggio della Grande Punto. Martedì prossimo inizierà un turno di cassa integrazione, il secondo negli ultimi tre mesi, che interesserà proprio i mille operai addetti a questa linea produttiva.

La proposta – “Siamo molto preoccupati –scrivono in una nota Angelo Summa e Roberto D’Andrea, rispettivamente i segretari lucani della Cgil e della Fiom – per le possibili ricadute sulla produzione e sui conseguenti livelli occupazionali nello stabilimento Fca di Melfi: si mettano subito in atto tutte le iniziative utili a offrire garanzie ai lavoratori e trasparenza per prevenire impatti sul mercato, visto in particolare il rilancio in corso di alcuni brand e il lancio nuovi modelli”. Per il sindacato è indispensabile “mettere a sistema le possibili risorse nazionali e locali sulle scelte strategiche di politica industriale e per la crescita e l’internazionalizzazione delle imprese locali”. Un obiettivo da perseguire anche dando vita, come detto, ad “una commissione permanente sull’auto che coinvolga Fca e le aziende dell’automotive, i lavoratori, le università, per una nuova politica industriale che finanzi un piano ecologico del settore utile a implementare l’occupazione”.

Clemente Ultimo
Clemente Ultimo
Clemente Ultimo – vicedirettore Più Mezzogiorno – Giornalista professionista, classe ’76, si è occupato per diversi quotidiani (Corriere del Mezzogiorno ed Il Mattino tra gli altri) di politica, economia, sanità. Ha curato la comunicazione istituzionale per il Consorzio Aree di Sviluppo Industriale di Salerno. Scrive articoli di geopolitica e politica internazionale per una rivista tematica online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *