Aggregare i “responsabili” dal Pd a Fi: la sfida di Centristi per l’Italia

centristi-per-italia-dirigenti

Essere un laboratorio politico in grado di fungere da aggregatore per le forze moderate e “non sfasciste”, ad iniziare dal Partito Democratico e da Forza Italia. Questo l’ambizioso traguardo perseguito in Campania e, più in generale, in Italia da “Centristi per l’Italia”, la nuova formazione politica nata su iniziativa di Pier Ferdinando Casini che celebrerà la prima assemblea nazionale il prossimo 11 febbraio a Roma. Prima della manifestazione nella capitale, però, appuntamento oggi a Salerno per la presentazione del gruppo dirigente locale.

Alternativa moderata – “In questo momento –dice Vincenzo Inverso, segretario provinciale e dirigente nazionale di “Centristi per l’Italia”- l’alternativa non è più tra destra e sinistra, categorie politiche superate, bensì tra populisti e responsabili. Tra chi gioca a sfasciare tutto e chi punta ad affrontare in maniera concreta i problemi, ad iniziare dalla dimensione locale”. Ed è proprio puntando ad aggregare gli anti-populisti, genericamente definiti come espressione di “un’area della responsabilità”, che diventa possibile immaginare il superamento dei tradizionali schieramenti. Con un richiamo preciso ad esperienze come quella del governo di grande coalizione in Germania. “In Campania –dice Inverso- come a livello nazionale noi poniamo dei paletti fermi: rifiutiamo le logiche populiste e sfasciste. Puntiamo ad aggregare un’area di responsabilità, per la cui costruzione non si può non guardare al Partito Democratico ed a Forza Italia. E siamo convinti che un uomo delle istituzioni come Casini abbia il profilo giusto per dare credibilità a questo progetto”.

La squadra – In provincia di Salerno il direttivo del nuovo partito sarà composto da due vice coordinatori provinciali, Giancarlo Presutto e Nicola Sconza; dal responsabile all’organizzazione e tesoriere Arturo Denza coadiuvato da Marco Montillo, da Angelo Ferraro (coordinatore di Salerno), Paolo Rocca (coordinatore di Battipaglia), Gerardina Fausto (responsabile del movimento femminile), Elvira Mastrangelo (responsabile del movimento giovanile), Luigi Frezzato, Cono di Sarlo.

Manovre al centro – Ma è l’intero schieramento moderato a mettersi in moto, in un momento di profonda ridefinizione dello scenario politico. Trasformazione che diventa fibrillazione all’ipotesi di elezioni anticipate. Per lunedì prossimo, infatti, è convocata la riunione del comitato regionale dell’Udc, con la partecipazione del presidente Ciriaco De Mita. All’ordine del giorno l’analisi della situazione politica in Campania, oltre al confronto sull’elezione della direzione regionale del partito.

Clemente Ultimo
Clemente Ultimo
Clemente Ultimo – vicedirettore Più Mezzogiorno – Giornalista professionista, classe ’76, si è occupato per diversi quotidiani (Corriere del Mezzogiorno ed Il Mattino tra gli altri) di politica, economia, sanità. Ha curato la comunicazione istituzionale per il Consorzio Aree di Sviluppo Industriale di Salerno. Scrive articoli di geopolitica e politica internazionale per una rivista tematica online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *