Buco da 1.3 mld, il Governo impugna la legge di bilancio della Campania

palazzo-santa-lucia

Il governatore della Regione Campania Vincenzo De Luca corre ai ripari e chiede un summit urgente con il governo Gentiloni. Il casus belli è la legge regionale di assestamento del bilancio 2016, in relazione al piano di rientro legato al disavanzo di gestione del 2013, pari appunto a 1.3 miliardi. Su Facebook e con un preciso comunicato stampa, l’ex sindaco di Salerno mette le mani avanti e chiarisce la situazione.

La nota ufficiale di Palazzo Santa Lucia.In merito alla decisione del Governo di impugnare la legge di assestamento di bilancio, relativamente agli atti che riguardano il piano di rientro per il disavanzo del 2013 di 1,3 miliardi ereditato dalla precedente amministrazione, il presidente della Regione Vincenzo De Luca, ha avuto immediatamente contatti con i ministri De Vincenti e Costa e con il ministero dell’Economia. E’ stato concordato un incontro in tempi brevi, la prossima settimana, per tutti i chiarimenti sollecitati. Piena collaborazione tra Governo e Regione per definire in maniera rigorosa e definitiva la questione“.

Le polemiche sulle spese di comunicazione della giunta De Luca: la risposta dell’ufficio. Con una nota dettagliata, Palazzo Santa Lucia respinge al mittente le accuse mosse dalle opposizioni. Nella nota – infatti – si legge: “Sorprende la superficialità e l’improvvisazione, non la strumentalizzazione, nel leggere dichiarazioni e numeri a casaccio sulla comunicazione istituzionale della Regione Campania. La precedente amministrazione regionale ha speso “per comunicare” 34.000 euro e quella attuale 1.475.000 euro? Si omette di dire che i 34mila euro, citati ed esaltati come fiore all’occhiello della precedente amministrazione, sono stati impiegati tutti, e soltanto, alla voce “rassegna stampa”, utilissima nel Palazzo molto meno fuori. Tutta qui la comunicazione istituzionale? Forse non c’era niente da comunicare ai cittadini campani. Forse si è preferito comunicare solo a se stessi. O forse la comunicazione istituzionale è stata promossa utilizzando altri capitoli di spesa. In ogni caso, dovrebbe essere a conoscenza di chi specula, che una cosa sono le risorse stanziate, altro è la spesa realmente impegnata da questa amministrazione. Che nel 2016, è di 380.000 euro. Un milione e 95mila euro in meno rispetto allo stanziamento“.

Umberto Adinolfi
Umberto Adinolfi
Classe 1972, giornalista professionista. Redattore interno e collaboratore per diversi quotidiani a diffusione regionale e nazionale (Corriere del Mezzogiorno, NewPress), nonché per l’agenzia stampa Asca Campania, dal 2012 lavora come freelance per l’edizione salernitana del quotidiano “Il Mattino”, impegnato nella redazione Politica. Dal 2012 è direttore responsabile del periodico “Paperboy”, unica testata giornalistica in Italia interamente realizzata da praticanti giornalisti affetti da disabilità psichiche e motorie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *