Matera, capitale della cultura e dell’innovazione ecosostenibile

foto-matera-piu-mezzogiorno

Non solo promozione e valorizzazione dei beni culturali, ma anche numerosi progetti ecosostenibili per fare di Matera, capitale della cultura 2019, una “smart city”, ovvero una città intelligente sotto il profilo della qualità dei servizi offerti ai cittadini in un’ottica di piena sostenibilità ambientale. Il “patto d’azione” siglato tra il primo cittadino di Matera Raffaello De Ruggeri ed il presidente dell’Enea Federico Testa precede, infatti, un vero e proprio piano per introdurre nel capoluogo lucano sistemi tecnologicamente all’avanguardia sul fronte della mobilità sostenibile, delle fonti energetiche rinnovabili, dell’efficienza energetica.

Gli obiettivi – Il progetto, che si inserisce in un più vasto piano di rigenerazione urbana e riqualificazione ambientale, è finalizzato –come spiega una nota dell’Enea- alla “trasformazione della città in chiave green, lavorando su vari settori, dalle tecnologie energetiche, alla mobilità sostenibile e al turismo, con l’introduzione di strumenti per favorire la diffusione del concetto di qualità ambientale, in particolare nella delicata zona dei Sassi, e con la realizzazione di progetti pilota che implementano soluzioni scientificamente avanzate per la gestione urbana applicando i principi dell’economia circolare”. In particolare sul versante della mobilità sostenibile il piano prevede lo sviluppo di progetti per l’elettrificazione del trasporto pubblico su gomma, grazie all’impiego di sistemi di ricarica ultra-rapida integrati con sistemi di generazione da fonti rinnovabili e accumulo elettrico. Nelle previsioni anche la costruzione di un “Centro Multiservizi” destinato a facilitare il trasporto delle persone e delle merci, con l’obiettivo di ridurre la circolazione di veicoli privati. Tra le pratiche da migliorare anche quelle relative alla gestione del ciclo rifiuti. Obiettivo favorire il compostaggio domestico e di comunità, nell’ambito di progetti innovativi tesi a diffondere il modello dell’economia circolare.

Collaborazione tra pubblico e privato “L’Enea –ha dichiarato il presidente Testa- metterà a disposizione del Comune di Matera competenze e soluzioni tecnico-scientifiche avanzate per lo sviluppo di progetti pilota, il trasferimento di conoscenze alle imprese e ai privati e il supporto all’attivazione di start up”. Un sostegno destinato a “sperimentare progetti innovativi di integrazione fra tecnologie green, efficienza energetica, fonti rinnovabili con Ict e piattaforme smart di ultima generazione per soddisfare i fabbisogni della città e ridurre costi e sprechi”.

 

 

 

Clemente Ultimo
Clemente Ultimo
Clemente Ultimo – vicedirettore Più Mezzogiorno – Giornalista professionista, classe ’76, si è occupato per diversi quotidiani (Corriere del Mezzogiorno ed Il Mattino tra gli altri) di politica, economia, sanità. Ha curato la comunicazione istituzionale per il Consorzio Aree di Sviluppo Industriale di Salerno. Scrive articoli di geopolitica e politica internazionale per una rivista tematica online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *