Diga del Pertusillo, il presidente Pittella convoca l’Arpab in Regione

La diga del Pertusillo - fonte Michele Tropiano)

 

Un tavolo di lavoro per fare il punto sulle azioni avviate dal dipartimento Ambiente, ma soprattutto sui controlli eseguiti dall’Arpab sulle acque della diga del Pertusillo che da qualche giorno si sono colorate, in alcune zone dell’invaso, di marrone scuro. Dopo l’allarme lanciato dagli ambientalisti e le preoccupazioni espresse dai sindaci della zona, il presidente della Regione Basilicata Marcello Pittella ha convocato un incontro per domani mattina alle ore 10 nella sala Verrastro del palazzo della Regione a Potenza.

Il tavolo di lavoro sarà presieduto da Pittella insieme all’assessore al ramo, Francesco Pietrantuono. Al vertice parteciperanno funzionari e dirigenti del dipartimento Ambiente e della presidenza della Giunta regionale e il direttore generale dell’Arpab, Edmondo Iannicelli che si relazionerà sui risultati dei primi campionamenti effettuati  e sugli esiti dei contatti posti in essere con Ispra e Acquedotto Pugliese, in modo da consentire alla giunta di adottare tutti gli eventuali  provvedimenti necessari (anche i più forti sul piano amministrativo) per tutelare l’ambiente e salvaguardare la salute delle comunità amministrate.

L’invaso della diga del Pertusillo, che si trova nel comune di Montemurro, in provincia di Potenza, ha una capienza massima di 155 milioni di metri cubi d’acqua ed è in grado di rispondere ad un uso plurimo delle risorse idriche, dalla sfruttamento dell’energia idroelettrica all’irrigazione di oltre 35 mila ettari di terreno tra Basilicata e Puglia. È uno dei punti di partenza dell’Acquedotto pugliese.

 

Ivana Infantino
Ivana Infantino
Giornalista professionista, da freelance collabora con Il Mattino e la Gazzetta del Mezzogiorno. Da addetto stampa alla Provincia di Potenza (2001-2010), tra le altre cose, ha curato diverse pubblicazioni per conto dell' ente. Fra le testate con cui ha collaborato anche Consiglio Informa (agenzia) e Mondo Basilicata (rivista).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *