L’Udc Campania verso le amministrative. De Mita jr: “Obiettivo possibile”

L'Udc si riorganizza in Campania in vista delle elezioni amministrative

Obiettivo Napoli per il rinnovato Udc campano guidato dal segretario Giuseppe De Mita che questa mattina ha riunito nella sede partenopea del partito la direzione regionale, che si è insediata per la prima volta dopo l’elezione del 6 febbraio scorso a Manocalzati, in provincia di Avellino. “E’ stata una riunione ricca di spunti – ha commentato De Mita – abbiamo individuato temi da affrontare e da mettere al centro di nostre iniziative politiche e da rendere proposta politica. La discussione è stata ricca ed interessante”.

Le prime iniziative politiche del partito, orfano a livello a nazionale di Pierferdinando Casini che ha recentemente fondato il suo movimento Centristi per l’Europa, saranno incentrate sul capoluogo di regione “perché Napoli – ha spiegato De Mita – ci consente di avere la maggiore cassa di risonanza”. Domenica si terrà il congresso cittadino del partito, che chiuderà la fase congressuale regionale.

Poi si guarderà alle competizioni elettorali prossime in Campania. Tra queste le elezioni amministrative di primavera che interesseranno una novantina di Comuni. “E’ un’occasione nella quale dobbiamo provare a capitalizzare l’attenzione che stiamo registrando. Ci sono circa venti Comuni – ha sottolineato De Mita – che vanno al voto con popolazione superiore ai 15mila abitanti e che sono importanti perché le scelte in queste realtà hanno un sapore più politico. Queste realtà le seguiremo sul piano regionale nel senso che tutte le valutazioni le costruiremo provando a farne una narrazione unitaria”.

Mattia Carpinelli
Mattia Carpinelli
Nato a Salerno, giornalista pubblicista dal 2008, collabora - ed ha collaborato - con diverse testate locali (La Città di Salerno, Il Mattino-Salerno, Radio Alfa) occupandosi di cronaca, politica, ambiente, sanità, lavoro. Ascolta tanta musica che nessuno conosce e qualche volta riesce anche a finire dei libri comprati mesi prima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *