Reddito, il Mezzogiorno ancora sotto la media nazionale

E’ ancora una volta un’Italia divisa nettamente in due quella che emerge dalla studio del Ministero dell’Economia e delle Finanze sul reddito medio degli italiani. Lo studio si basa sul dato medio del reddito ricavato dai dati Irpef della dichiarazione dei redditi. Sono stati 40,8 milioni i contribuenti che hanno assolto l’obbligo dichiarativo. Il reddito complessivo totale dichiarato ammonta a circa 833 miliardi di euro, per un valore medio di 20.690 euro.

La ripartizione territoriale –  Il confronto omogeneo con l’anno precedente mostra un aumento del reddito complessivo medio dichiarato del +1,3%, ma questa crescita è molto diversificata su base territoriale. Le regioni del Nord est hanno fatto registrare una crescita del 2,2%, quelle del Nord ovest del 2,1%, le regioni meridionali dell’1,8%, quelle del Centro dell’1,39%, mentre fanalino di coda sono le Sicilia e Sardegna con un aumento complessivo dell’1%. A guidare la classifica delle Regioni con reddito medio più alto c’è la Lombardia (24.520 euro) seguita dalla Provincia Autonoma di Bolzano (22.860 euro). Ultima la Calabria, con un reddito medio pari a 14.780 euro. Un dato che non sorprende, considerato che anche nel 2015 (anno cui si riferiscono i dati del Ministero) le regioni del centro-sud hanno fatto registrare una crescita del reddito medio inferiore alla media nazionale. Un dato ancora più evidente se si prende in esame il reddito complessivo del “contribuente mediano” (ovvero quello non influenzato da valori particolarmente elevati) pari a 16.643 euro e si osserva la sua distribuzione su base provinciale. Nel Mezzogiorno, in pratica, solo i capoluoghi di provincia –e neanche tutti- presentano un reddito medio in grado di raggiungere questa soglia. Unica, magra, consolazione: Basilicata e Sardegna sono le regioni dove più bassa è l’addizionale regionale, pari a 270 euro. Meglio di loro solo la Provincia Autonoma di Bolzano, con addizionale pari a 230 euro.

Clemente Ultimo
Clemente Ultimo
Clemente Ultimo – vicedirettore Più Mezzogiorno – Giornalista professionista, classe ’76, si è occupato per diversi quotidiani (Corriere del Mezzogiorno ed Il Mattino tra gli altri) di politica, economia, sanità. Ha curato la comunicazione istituzionale per il Consorzio Aree di Sviluppo Industriale di Salerno. Scrive articoli di geopolitica e politica internazionale per una rivista tematica online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *