In arrivo 500 milioni per le periferie. Giù le Vele di Scampia

Le "Vele" di Scampia

Le "Vele" di Scampia

Ci sono Napoli, Salerno ed Avellino per la Campania; Bari, Lecce, Andria per la Puglia; Messina ed Oristano tra i ventiquattro capoluoghi che questa mattina hanno firmato con il governo le convenzioni per dare vita a progetti di riqualificazione delle periferie.

Le risorse – “Oggi –ha dichiarato il presidente del Consiglio Paolo Gentilonisi materializza un impegno da 500 milioni per i 24 progetti migliori classificati per le periferie. L’impegno riguarda in tutto 120 interventi, quindi altri 95 rispetto a quelli di oggi”. Quanto alle risorse necessarie per l’avvio ed il completamento degli interventi è stato lo stesso Gentiloni a fare il punto: “le disponibilità economiche –ha detto il premier- ci sono, il Cipe ha stanziato altri 800 milioni dei 1,6 miliardi che servono, gli altri 800 milioni fanno parte del fondo per le infrastrutture. E ai 2,1 miliardi saranno aggiunti fondi pubblici e privati per un totale di circa 3,9 miliardi. Uno stanziamento molto rilevante”.

Gli interventi – Tra gli interventi che saranno realizzati grazie ai fondi stanziati dal Governo spicca a Napoli il previsto abbattimento delle tristemente celebri “Vele”. Ad annunciarlo è lo stesso primo cittadino di Napoli Luigi De Magistris : “E’ un progetto a cui teniamo tantissimo sulle vele di Scampia. Ci sarà l’abbattimento delle Vele, la prima all’inizio dell’estate di quest’anno”. Dei quattro edifici ne resterà uno solo, destinato a sede della Città metropolitana di Napoli. A Bari arriveranno circa 40 milioni di euro da impiegare nel progetto di riqualificazione degli spazi pubblici, in particolare nei quartieri San Paolo e Libertà. A Salerno vanno 26 milioni di euro –otto a carico dei privati- per il recupero delle aree collinari.

 

Clemente Ultimo
Clemente Ultimo
Clemente Ultimo – vicedirettore Più Mezzogiorno – Giornalista professionista, classe ’76, si è occupato per diversi quotidiani (Corriere del Mezzogiorno ed Il Mattino tra gli altri) di politica, economia, sanità. Ha curato la comunicazione istituzionale per il Consorzio Aree di Sviluppo Industriale di Salerno. Scrive articoli di geopolitica e politica internazionale per una rivista tematica online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *