Unisa, nasce la prima scuola “anticorruzione negli appalti” in Italia

L'università degli Studi di Salerno

L'università degli Studi di Salerno

Ieri mattina, presso la Sala Stampa “Biagio Agnes” del campus di Fisciano, è stata presentata la prima Scuola di Perfezionamento in “Anticorruzione e Appalti nella Pubblica Amministrazione” dell’Università di Salerno.

L’evento. Hanno preso parte alla presentazione il Magnifico Rettore dell’Università di Salerno Aurelio Tommasetti, il Direttore del Dipartimento di Scienze Giuridiche prof. Sergio Perongini, il Direttore della Scuola prof. Gianluca M. Esposito, e il Presidente della sezione penalistica del Comitato Scientifico della Scuola prof. Andrea R. Castaldo. Nell’ambito della conferenza è stato sottoscritto il Protocollo d’Intesa tra la Presidenza del Consiglio dei Ministri (Dipartimento per le Pari Opportunità), l’Università di Salerno e la Scuola di Perfezionamento. Il Protocollo firmato ha l’obiettivo di promuovere un programma pluriennale di attività di formazione e counseling giuridico-amministrativo per gli operatori attivi nei settori di competenza del Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenze. La Scuola, che ha ricevuto un cospicuo numero di pre-iscrizioni, è stata programmata dall’Università in risposta ai mutamenti intervenuti a livello europeo e nazionale in materia di appalti e contratti della Pubblica Amministrazione, alla luce del Nuovo Codice degli Appalti e delle Concessioni, e in materia di nuove norme sull’Anticorruzione.

La soddisfazione del Rettore Aurelio Tommasetti. “L’Ateneo di Salerno ha dei doveri verso il proprio territorio. Tra questi c’è quello di immaginare delle proposte progettuali che rispondano alle esigenze dello stesso. Con questa Scuola abbiamo cercato di fare proprio questo. La Scuola, che si struttura su due filoni centrali – quello del Diritto Amministrativo e quello Penalistico – mette a disposizione un team di competenze disciplinari con l’obiettivo di prevenire fenomeni di corruzione della Pubblica Amministrazione”. Il Direttore della Scuola ha dichiarato: “L’Università di Salerno, a partire dal Mezzogiorno, ha pensato di strutturare una scuola ad hoc, dedicata all’Anticorruzione, che possa accompagnare gli addetti ai lavori e i professionisti del settore nel recepimento di questo nuovo bagaglio di conoscenze ovvero di questo nuovo modello di Amministrazione Pubblica: un’amministrazione capace di aggiudicare i contratti al mercato attraverso procedure meno automatiche e rigide, ma anche più lontane dal rischio di corruzione”.

Chi può iscriversi. La Scuola è dedicata a: Dirigenti pubblici e funzionari di Ministeri e altre Amministrazioni dello Stato, Regioni, Province, Città Metropolitane, Comuni, Camere di Commercio, Parchi nazionali e regionali, Avvocati, Commercialisti, Ingegneri, Architetti e altre tipologie di professionisti. I corsi della Scuola prenderanno il via il prossimo 31 marzo, alle ore 15, presso il Dipartimento di Scienze Giuridiche dell’Università di Salerno.

Umberto Adinolfi
Umberto Adinolfi
Classe 1972, giornalista professionista. Redattore interno e collaboratore per diversi quotidiani a diffusione regionale e nazionale (Corriere del Mezzogiorno, NewPress), nonché per l’agenzia stampa Asca Campania, dal 2012 lavora come freelance per l’edizione salernitana del quotidiano “Il Mattino”, impegnato nella redazione Politica. Dal 2012 è direttore responsabile del periodico “Paperboy”, unica testata giornalistica in Italia interamente realizzata da praticanti giornalisti affetti da disabilità psichiche e motorie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *