Primarie: De Luca (Renzi) ed Emiliano puntano sul nuovo welfare

Fonte: huffingtonpost.it

Le primarie – almeno nelle intenzioni – sembrano aver imboccato uno strada corretta, quella cioè di partire dal basso e dalle tant disaguaglianze sociali che esistono nel nostro Paese. E così due dei tre competitor in gara (Renzi, Orlando e Emiliano) hanno voluto scendere in campo partendo dal welfare e dalle idee utili per rinnovarlo e migliorarlo. A Napoli, il governatore della Campania Vincenzo De Luca (leggasi Matteo Renzi) ha organizzato una due giorni dedicata alle politiche sociali regionali. “Una comunità è tale se riesce a garantire condizioni di vita elementari per tutti. Abbiamo voluto gli Stati generali del Welfare a Napoli anche per rilanciare i valori di uguaglianza e di rispetto della persona e lavorare sugli standard minimi di civiltà”, ha commentato il governatore De Luca sulla sua pagina social di Facebook.

La replica “clonata” di Emiliano su Facebook. Quasi ad aver sentito la necessità di restare nella scia di De Luca – pardon di Renzi – il governatore della Puglia Michele Emiliano ha puntato il suo post di ieri proprio su di un rinnovato modello di welfare, partendo dalle zone più degradate delle nostre città. “Dobbiamo guardare il mondo con lo sguardo delle periferie. Con gli occhi dei più deboli. Di chi non riesce ad esprimere e mettere a frutto i propri talenti e le proprie capacità perché intrappolato nella sofferenza e nella povertà. Spezzare le trappole della disuguaglianza, per consentire a tutti, anche agli ultimi, di sviluppare le proprie ambizioni di vita e partecipare allo sviluppo della nostro comunità. Dobbiamo passare dall’io al noi, essere un partito di popolo, aperto alla società, al civismo, alla partecipazione dei cittadini.

Umberto Adinolfi
Umberto Adinolfi
Classe 1972, giornalista professionista. Redattore interno e collaboratore per diversi quotidiani a diffusione regionale e nazionale (Corriere del Mezzogiorno, NewPress), nonché per l’agenzia stampa Asca Campania, dal 2012 lavora come freelance per l’edizione salernitana del quotidiano “Il Mattino”, impegnato nella redazione Politica. Dal 2012 è direttore responsabile del periodico “Paperboy”, unica testata giornalistica in Italia interamente realizzata da praticanti giornalisti affetti da disabilità psichiche e motorie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *