Campania, il governo Gentiloni impugna il bilancio di previsione

Il governatore campano Vincenzo De Luca

Doccia fredda per l’amministrazione De Luca: nel corso della riunione del Consiglio dei Ministri tenutasi questa mattina il governo ha deciso di impugnare il bilancio di previsione della Regione Campania. A darne notizia al termine della seduta il ministro per la Coesione Territoriale ed il Mezzogiorno Claudio De Vincenti ed il ministro per gli Affari Regionali Enrico Costa. Si tratta, per i due esponenti del governo Gentiloni, di un’impugnazione “in via cautelativa” adottata anche in considerazione dell’imminente scadenza dei termini.  A cadere sotto la censura del governo la legge regionale n. 4 del 2017 sul “Bilancio di previsione finanziario per il triennio 2017-2019 della Regione Campania”.

A proporre l’impugnazione del testo normativo il ministro per gli Affari Regionali: a giudizio di Costa la legge “determina –come riportato dalla nota Ansa- un contrasto con l’art. 117, secondo comma, lettera e), della Costituzione, che riserva la materia riguardante l’armonizzazione dei bilanci pubblici alla competenza legislativa statale”. Il governo, tuttavia, potrebbe anche rinunciare all’impugnativa, come hanno sottolineato gli stessi ministri De Vincenti e Costa. Una rinuncia che potrebbe scaturire sulla base del quadro normativo incerto. Per questo motivo il Consiglio dei Ministri ha deciso di effettuare ulteriori approfondimenti sulla materia con il supporto dell’Avvocatura Generale dello Stato e, solo in seguito, di adottare ulteriori decisioni.

Clemente Ultimo
Clemente Ultimo
Clemente Ultimo – vicedirettore Più Mezzogiorno – Giornalista professionista, classe ’76, si è occupato per diversi quotidiani (Corriere del Mezzogiorno ed Il Mattino tra gli altri) di politica, economia, sanità. Ha curato la comunicazione istituzionale per il Consorzio Aree di Sviluppo Industriale di Salerno. Scrive articoli di geopolitica e politica internazionale per una rivista tematica online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *