Economia del mare, firmata intesa tra Campania e Liguria

Incentivare la collaborazione tra Campania e Liguria per sviluppare ulteriormente l’economia del mare, nelle sue diverse articolazioni. Questo l’obiettivo del protocollo d’intesa siglato questa mattina a Napoli tra il governatore campano Vincenzo De Luca ed il suo omologo ligure Giovanni Toti. Elemento centrale dell’accordo, l’impegno a fare sistema tra le due Regioni per un ottimale sfruttamento delle risorse comunitarie, con una particolare attenzione

Toti e De Luca - foto Massimo Pica

Toti e De Luca – foto Massimo Pica

per le imprese attive nel settore dello shipping, per l’innovazione e la ricerca. Un impegno che, nelle previsioni dei due governatori, è destinato a concretizzarsi attraverso il rafforzamento delle collaborazioni su ricerca e innovazione, cyber security, innovazione d’impresa. Ma l’ambizione è anche quella di riuscire a dare vita insieme a nuovi poli di ricerca, a distretti tecnologici e progetti pilota in grado di portare a concrete ricadute economico-occupazionali per la Liguria e la Campania. Tra gli altri impegni previsti dal protocollo d’intesa anche quello di dare vita a politiche industriali coordinate in grado di garantire lo sviluppo dei territori e, nel contempo, il rispetto delle loro vocazioni tradizionali. Nell’ambito dell’intesa sottoscritta questa mattina si è dato vita ad uno Statering Committee, destinato per tre anni a valutare efficacia ed effetti dell’accordo sottoscritto e, eventualmente, a proporre interventi di adeguamento.

Potenzialità da sviluppare – Campania e Liguria sono due regioni per molti versi differenti, tuttavia guardano entrambe alla necessità di sviluppare ulteriormente l’economia del mare. E per farlo intendono puntare sull’innovazione e la ricerca. E’ sulla condivisione di questa analisi che De Luca e Toti hanno fondato la decisione di dare vita all’intesa sottoscritta oggi a Napoli. “Abbiamo –ha detto il governatore campano- territori di diversa densità demografica, ma con caratteristiche omogenee. Entrambi abbiamo un grande porto, problemi ambientali analoghi, processi di deindustrializzazione, ma anche eccellenza e biotecnologie. Oggi firmiamo un protocollo d’intesa tra Regione Campania e Liguria che ha al centro il tema dell’economia del mare, ma non soltanto questo: è un’iniziativa dal grande valore simbolico”. De Luca, poi, non ha mancato di sottolineare come l’accordo con la Regione Liguria sia una risposta concreta alle esigenze del territorio, spesso penalizzato da un eccessivo peso della burocrazia. “Troppo spesso –ha detto De Luca- le Regioni sono state additate come la causa di tutti i mali della politica. Io credo invece che le Regioni, in questi anni, abbiamo dimostrato di saper razionalizzare le proprie spese e di diventare enti in grado di promuovere lo sviluppo. L’Italia sta vivendo nella sua vita pubblica un momento di grande imbarbarimento con il dibattito pubblico segnato da momenti di tensione, da un clima di aggressività che io considero inaccettabile per un Paese civile. Con il presidente Toti, abbiamo una sintonia che e’ legata alla propensione alla concretezza dell’attività amministrativa e non alla chiacchiere”. Una sintonia pienamente confermata dal governatore ligure: “Abbiamo condiviso –ha detto Toti- lo stesso shock nell’affrontare la burocrazia e la lentezza, insieme alla volontà di superarle. Le nostre Regioni sono molto simili, nelle sfide e opportunità da cogliere: dal sistema dei porti, della sicurezza, della ricerca e sviluppo che in una comunità come l’Ue devono essere obiettivi fondamentali. Speriamo che attraverso questo protocollo si costruisca un rapporto di amicizia”.

Clemente Ultimo
Clemente Ultimo
Clemente Ultimo – vicedirettore Più Mezzogiorno – Giornalista professionista, classe ’76, si è occupato per diversi quotidiani (Corriere del Mezzogiorno ed Il Mattino tra gli altri) di politica, economia, sanità. Ha curato la comunicazione istituzionale per il Consorzio Aree di Sviluppo Industriale di Salerno. Scrive articoli di geopolitica e politica internazionale per una rivista tematica online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *