Crisi politica al Senato, gelo siderale tra Alfano e il Pd per l’affaire Torrisi

Il leader di Alternativa Popolare Angelino Alfano

Angelino Alfano ‘scomunica’ Salvatore Torrisi dopo la vicenda di ieri della sua elezione a presidente della commissione Affari Costituzionali del Senato. “Prendo atto della scelta del senatore Torrisi – ha detto il presidente di Alternativa popolare Angelino Alfano -. Amen. Ha scelto la sua strada. La nostra è diversa: il senatore Torrisi non rappresenta Ap al vertice della commissione Affari costituzionali” (fonte: Ansa.it).

La posizione di Alfano. “Torrisi, che è persona stimata – aveva detto in mattinata Alfano, parlando nella sede di Ap – mi ha chiesto 24 ore per rifletterci. Ma visto che si tratta di una questione di principio è chiaro che una sua permanenza alla presidenza è incompatibile con Ap”. “Noi – ha puntualizzato Alfano – abbiamo votato a favore del candidato del Pd perché quella presidenza toccava al Pd: noi rispettiamo i patti, siamo leali”. “Il massimo che potevamo fare era quello che abbiamo fatto, chiedere a Torrisi di rinunciare alla Presidenza. Ogni volta che facciamo battaglia politica – conclude Alfano – andiamo avanti a viso aperto, in chiaro”.

La risposta di Torrisi. “Mi sembra inconcepibile, assolutamente irrituale. Sono preoccupato per Alfano”: aveva risposto il neo presidente della Commissione Affari costituzionali del Senato Salvatore Torrisi commentando la richiesta di dimissioni che gli ha rivolto Alfano. “Manco il partito comunista sovietico faceva queste cose – aggiunge – Se mi fossi dimesso ieri, oggi non saremmo riusciti a chiudere la discussione generale sul decreto sicurezza e a fissare il termine per gli emendamenti. Io lavoro per le istituzioni”. Poi ancora da Angelino Alfano l’attacco al Pd e al presidente che ieri ha chiesto un incontro al capo dello Stato dopo la vicenda: “Da Orfini – aveva detto Alfano – ho sentito parole surreali. Siccome non siamo nati ieri e abbiamo capito il giochino dico che non ci stiamo. Se qualcuno cerca pretesti per far cadere il governo e andare al voto anticipato lo dica chiaro”. E Matteo Renzi lancia la sfida: “Il fronte del no al referendum, al Mattarellum, all’Italicum, quello che ha votato Torrisi e ora è maggioranza, adesso ci faccia qualche proposta”. Poi Renzi, incontrando i parlamentari della sua mozione, spiega: “Un episodio grave e profondamente antipatico, non si può tornare al linguaggio della prima repubblica. La parola crisi di governo non la vogliamo sentire pronunciare. Questi sono giochini da prima repubblica”.

Umberto Adinolfi
Umberto Adinolfi
Classe 1972, giornalista professionista. Redattore interno e collaboratore per diversi quotidiani a diffusione regionale e nazionale (Corriere del Mezzogiorno, NewPress), nonché per l’agenzia stampa Asca Campania, dal 2012 lavora come freelance per l’edizione salernitana del quotidiano “Il Mattino”, impegnato nella redazione Politica. Dal 2012 è direttore responsabile del periodico “Paperboy”, unica testata giornalistica in Italia interamente realizzata da praticanti giornalisti affetti da disabilità psichiche e motorie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *