Nasce Meridione Nazionale: obiettivo rilanciare il centrodestra

Un laboratorio politico in grado di analizzare i problemi e, quindi, mettere in campo proposte concrete per il territorio campano. Ed arginare la disaffezione di quadri politici e cittadini nei confronti del centrodestra, avvertito spesso come distante dalle reali e quotidiane necessità del territorio. E, soprattutto, incapace di elaborare un progetto alternativo di governo. Questo l’obiettivo ambizioso, come sottolineano gli stessi promotori, di Meridione Nazionale, associazione presentata questa mattina a Salerno. Ad illustrare campo d’azione ed obiettivi del sodalizio il coordinatore Michele Cuozzo, l’ex assessore regionale Giovanni Romano, il primo cittadino di Positano Michele De Lucia.

 Un nuovo centrodestra – La provenienza del gruppo promotore –già esponenti di Fdi Romano e Cuozzo, tuttora tesserato del partito di Giorgia Meloni De Lucia- è primo indice dell’area cui fa riferimento di Meridione Nazionale: il centrodestra nella sua più ampia articolazione. E’ qui che l’associazione –non un partito, come più volte sottolineato- intende aggregare uomini ed idee, nell’ambito di un preciso quadro di “riferimenti valoriali”. “A nostro giudizio –dice Cuozzo- è arrivato il momento di mettere da parte la protesta per iniziare a costruire una proposta alternativa al sistema De Luca che oggi impera in Campania”. Una proposta che per Meridione Nazionale deve partire dall’analisi delle problematiche del territorio, così diversificate all’interno della stessa Campania. Tra i primi obiettivi, dunque, l’avvio di una campagna di ascolto destinata a fornire la base del confronto da cui dovrà scaturire una precisa piattaforma progettuale. “Vogliamo agevolare il confronto –dice Romano- per arrivare a proposte condivise”. Un confronto che si vuole aperto a tutti gli esponenti del centrodestra, anche se al momento segnali di attenzione sembrano essere arrivati solo da uno dei due soci di maggioranza del centrodestra. E’ Giovanni Romano a ringraziare per l’attenzione mostrata verso l’iniziativa gli azzurri Mara Carfagna e Maurizio Gasparri, oltre che il coordinatore provinciale di Fi Enzo Fasano. Insomma, al momento all’appello Forza Italia ha risposto presente, di tutt’altro tenore la reazione di Fratelli d’Italia. Alla base dell’iniziativa che ha portato alla nascita di Meridione Nazionale c’è, tuttavia, una rete di contatti tra amministratori locali, quella stessa che ha portato alla presentazione di una lista in occasione delle elezioni Ato in provincia di Salerno. Ma il progetto ha ben presto superato i confini salernitani: grazie alla federazione con altre realtà associative Meridione Nazionale è oggi presente in tutte le province campane.

De Luca nel mirino – Ed è proprio alla Campania che guardano, in prospettiva, i promotori dell’associazione. O meglio, al fallimento –a loro giudizio- del modello amministrativo proposto da Vincenzo De Luca. “A due anni dall’insediamento –dice Romano- è ora di fare un po’ di conti sull’operato dell’amministrazione De Luca”. Ed i conti, per l’ex assessore regionale all’Ambiente, non tornano. In particolare sul fronte rifiuti: “A nove mesi dall’avvio di un piano che doveva stupire il mondo –attacca Romano- sono state smaltite solo 40mila tonnellate di eco balle su 800mila. Inoltre non riusciamo a costruire impianti sul nostro territorio e continuiamo ad andare fuori regione per lo smaltimento”. Bocciate anche le politiche regionali in materia di depurazione e sanità. “In questi anni –chiosa infine Romano- abbiamo visto molti soldi spesi per manifesti e comunicazione. Quel che non abbiamo visto sono i risultati per i cittadini”.

Di qui l’impegno per l’elaborazione di una piattaforma programmatica su cui possa riconoscersi l’intero centrodestra campano. Idee e spunti programmatici necessari per iniziare a costruire una proposta alternativa al centrosinistra a trazione De Luca. Un processo che potrebbe muovere i primi passi già in occasione delle prossime elezioni amministrative: “Siamo pronti a dare il nostro sostegno –dice Romano- a candidati pronti a condividere il progetto che mettiamo in campo con Meridione Nazionale”.

Clemente Ultimo
Clemente Ultimo
Clemente Ultimo – vicedirettore Più Mezzogiorno – Giornalista professionista, classe ’76, si è occupato per diversi quotidiani (Corriere del Mezzogiorno ed Il Mattino tra gli altri) di politica, economia, sanità. Ha curato la comunicazione istituzionale per il Consorzio Aree di Sviluppo Industriale di Salerno. Scrive articoli di geopolitica e politica internazionale per una rivista tematica online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *