Allarme terrorismo, a rischio anche Napoli, Matera, Bari e Salerno

Ci sono anche Napoli e Salerno nelle città a maggiore rischio di attacchi terroristici in vista del prossimo ponte pasquale. Le due città della Campania, insieme a Bari, Matera e Palermo, sono i principali centri del Sud Italia dove l’attenzione delle forze dell’ordine sarà massima. Raddoppio di posti di blocco, agenti in borghese e molte squadre di intervento rapido in caso di emergenza. E’ così che l’Italia proverà a difendersi da un eventuale offensiva dell’Isis sul territorio nazionale.

La tensione in tutta Europa. L’attentato nella capitale svedese riporta l’Italia a dover fare i conti con una minaccia sempre più imprevedibile da controllare. Anche se, al momento, non sono emersi collegamenti tra il gesto terroristico di Stoccolma e il nostro paese, le misure di sicurezza sono state rafforzate. L’allerta è massima, il controllo del territorio è costante, l’intelligence è impegnata su tutti i fronti e la prevenzione del rischio è primaria. Cresce la paura in tutto il mondo: Stoccolma è l’ultimo degli atti che hanno seminato il terrore, lo scenario inquietante era già stato vissuto ultimamente a Nizza, Berlino e Londra. Dal Viminale, nei giorni scorsi, è stato precisato che “l’attenzione continua ad essere alta”: queste le parole ripetute nella riunione straordinaria del Comitato di analisi strategica antiterrorismo; presieduta dal capo della Polizia Franco Gabrielli.

Il piano operativo delle forze dell’ordine. Nell’incontro si sono analizzate le informazioni e i dettagli provenienti dalla Svezia e si è sottolineata la necessità massima di prevenire e sensibilizzare tutti gli organi di intelligence e antiterrorismo per un controllo a tappeto dei territori. Lo stesso ministro degli interni, Marco Minniti continua a ripetere: “La minaccia è sempre più imprevedibile. Siamo dentro una fase complicata. Abbiamo di fronte una minaccia ad alta imprevedibilità. Si ruba un camion e con quel camion si ammazzano cittadini inermi.” Da mesi, perciò, sono state messe in campo tutte le possibili misure di controllo e sicurezza; ma, in vista della Pasqua, verranno raddoppiate. I piani di controllo saranno rafforzati per gli obiettivi sensibili, in occasione delle celebrazioni previste. Attenzione massima, dunque, al Vaticano, luoghi di culto cattolici e tutte le zone dove è previsto un grande afflusso di gente, che sarranno individuate dai comitati per l’ordine e la sicurezza pubblica. In particolare in Campania preoccupano i contenitori culturali di Napoli, gli imbarchi per le isole e tutte le chiese, mentre a Salerno l’area più monitorata sarà quella portuale oltre alle strade che conducono in costiera Amalfitana e verso l’area dei Templi di Paestum.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *