Campania, 500 milioni di euro per quattro nuovi depuratori

Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca e il vicepresidente Fulvio Bonavitacola

“Nell’ambito del risanamento ambientale la Regione sta facendo uno sforzo enorme con un investimento pari a 500 milioni di euro. Abbiamo consegnato due mesi fa il depuratore di Cuma e entro il mese di aprile consegneremo i lavori per altri 4 depuratori: Acerra, Foce Regi Lagni, Marcianise e Napoli Nord. Puntiamo così ad avere la totalità della costa campana balneabile, in particolare la fascia costiera del litorale domizio”. Questo l’annuncio del presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca che affiancato dal suo vice Fulvio Bonavitacola ha presentato le ultime iniziative della Regione in materia di depurazione delle acque. “Questi lavori serviranno a potenziare gli impianti, a migliorare le tecnologie, evitare emissioni in atmosfera e rendere balneabile tutta la costa campana contribuendo in tale modo alla riqualificazione turistica dei territori”. Tra le novità annunciate dal presidente De Luca il trasferimento ai Comuni della gestione delle acque e dei rifiuti.

Il progetto. Inoltre il progetto presentato oggi fa seguito alle azioni messe in atto dalla Regione in materia rifiuti e alla missione a Bruxelles, nella quale per la prima volta insieme, Regione Campania e Governo nazionale, in piena sintonia sui contenuti del piano regionale dei rifiuti, hanno aperto il tavolo con l’Unione Europea per la riduzione/eliminazione della multa comunitaria. “Stiamo facendo dei passi in avanti, in questo momento paghiamo ancora una multa di 100mila euro al giorno per tutte le inadempienze del passato. Siamo andati a Bruxelles per dimostrare che la situazione di 5 anni fa non esiste più. Abbiamo iniziato a risolvere i problemi, ragioni valide per chiedere all’Unione Europea almeno di attenuare la sanzione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *