Salerno, caso dehors: la maggioranza non c’è più: almeno 7 i franchi tiratori

maggioranza-consiglio-comunale-salerno

Sembrava poter rientrare la fibrillazione tutta interna alla maggioranza deluchiana che sostiene il sindaco Napoli. E invece al Comune di Salerno la grana del nuovo regolamento dehors continua a causare malumori e debiti distinguo.  La prima sconfitta incassata dal sindaco in occasione del consiglio comunale dello scorso marzo, quando fu costretto a ritirare il documento dall’odg per evitare possibili figuracce, potrebbe essere bissata nelle prossime settimane.

Ieri sera nuovo faccia a faccia tra i deluchiani. Non c’è niente da re. Come lo si legga e lo si rigiri, il nuovo regolamento comunale per l’installazione dei dehors a cura dei titolari di attività commerciali del mondo della ristorazione e della somminsitrazione di cibi e bevande sembra sempre più il testo di un film giallo. Dove le ombre riescono a coprire le poche luci esistenti. Eppure – all’inizio del suo iter amministrativo in commissione – tutto appariva nella norma. E invece no. Tanto che l’ennesimo incontro di chiarimento, svoltosi ieri sera a Palazzo Guerra “in gran segreto” ha fatto registrare una nuova e preoccupante fumata nera. Non esiste alcuna unanimità di pensiero, di giudizio e di voto tra i deluchiani, come anche tra gli alleati che sostengono la giunta guidata da Enzo Napoli. I distinguo non riguardano solo alcuni esponenti di Campania Libera, da subito scettici sul regolamento (come Corrado Naddeo e Antonio D’Alessio), ma anche i consiglieri della lista Moderati per Salerno Leonardo Gallo e Pietro Stasi, cui potrebbero aggiungersi anche i due esponenti di Articolo Uno – Democratici e Progressisti Antonio Carbonaro e Peppe Ventura. Senza contare, infine, che anche tra i fedelissimi del governatore i mugugni sono diversi. Insomma la maggioranza non c’è più e l’approvazione del regolamento, in cantiere entro fine mese, rischia di trasformarsi in una nuova Caporetto politica.

Rischio astensione in aula. I “diversamente deluchiani” sarebbero pronti all’astensione all’atto del voto sul regolamento dehors, evitando così il “voltafaccia” formale del voto contrario, ma rimarcando in maniera forte la propria contrarietà ad uno strumento normativo che – a detta di alcuni consiglieri – presenterebbe numerosi aspetti di dubbia legittimità.

Umberto Adinolfi
Umberto Adinolfi
Classe 1972, giornalista professionista. Redattore interno e collaboratore per diversi quotidiani a diffusione regionale e nazionale (Corriere del Mezzogiorno, NewPress), nonché per l’agenzia stampa Asca Campania, dal 2012 lavora come freelance per l’edizione salernitana del quotidiano “Il Mattino”, impegnato nella redazione Politica. Dal 2012 è direttore responsabile del periodico “Paperboy”, unica testata giornalistica in Italia interamente realizzata da praticanti giornalisti affetti da disabilità psichiche e motorie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *