Politiche 2018, la lista dei candidati di De Luca sul tavolo di Renzi

Per la serie, meglio anticiparsi il lavoro quando si può. E così il governatore della Campania Vincenzo De Luca, che sta lavorando senza sosta affinchè le primarie del prossimo 30 aprile, almeno in Campania e nella “sua” Salerno, siano un successo senza appello per Matteo Renzi, ha già provveduto a far pervenire all’ex premier i suoi personali “desiderata” in vista delle elezioni politiche in programma per il 2018. La notizia è stata confermata – a voce bassa – proprio da uno dei papabili candidati alle prossime elezioni ed attualmente impegnato a Palazzo di Città a Salerno nella sua veste di assessore. A qualcuno potrebbe sembrare prematuro, in realtà l’ex sindaco di Salerno ha sempre pianificato con molto anticipo le sue scadenze elettorali e questa che si prospetta all’orizzonte – a primarie consumate – ha un valore doppio se si considera che tra i candidati per il Pd ci sarà anche il figlio Piero.

Una “shortlist” da 10 nominativi per il governatore. A Palazzo Pinti, sede del quartier generale di Matteo Renzi, la nota riservata del governatore della Campania sta già provocando rumore e chiacchiere. Già perchè i collaboratori più fidati del rottamatore fiorentino hanno messo subito le mani avanti, chiedendo allo stesso Renzi di essere alquanto prudente. Non si vogliono infatti commettere alcuni degli “errori” venuti fuori in occasione delle elezioni regionali 2015 in Campania, quando alcuni candidati che sostevano Vincenzo De Luca finirono finirono al centro di polemiche per presunti rapporti con la malavita organizzata. Diciamo che stavolta il pedigree dei candidati presentati da De Luca dovrà essere immacolato e senza alcuna ombra, pena l’esclusione.

Due imprenditori, un docente universitario, un ex sportivo tra i prescelti. Oltre al figlio Piero e ad alcuni esponenti di partito, tra cui un assessore del Comune di Salerno, nella lista del governatore della Campania per le prossime elezioni 2018 ci sarebbero due imprenditori molto noti in regione Campania, un docente universitario dell’ateneo di Fisciano ed un ex calciatore. Ovviamente accanto ad ogni nome, De Luca ha anche indicato il “valore aggiunto” del singolo candidato in termini di capacità di attrazione del consenso elettorale che stavolta sarà fondamentale visto che – come tutti si attendono – la nuova legge elettorale avrà come cardine il ritorno alle preferenze e ad un sistema di tipo proporzionale.

Umberto Adinolfi
Umberto Adinolfi
Classe 1972, giornalista professionista. Redattore interno e collaboratore per diversi quotidiani a diffusione regionale e nazionale (Corriere del Mezzogiorno, NewPress), nonché per l’agenzia stampa Asca Campania, dal 2012 lavora come freelance per l’edizione salernitana del quotidiano “Il Mattino”, impegnato nella redazione Politica. Dal 2012 è direttore responsabile del periodico “Paperboy”, unica testata giornalistica in Italia interamente realizzata da praticanti giornalisti affetti da disabilità psichiche e motorie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *