Centro Oli di Viggiano, dal Ministero dell’Ambiente sì al tavolo tecnico

Il ministro dell'Ambiente Galletti

Via libera all’apertura di un tavolo di confronto per la risoluzione dei problemi legati all’attività del Centro Oli Eni di Viggiano. Il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti accoglie a stretto giro la richiesta avanzata dal presidente della Regione Basilicata Marcello Pittella, richiesta che punta a coinvolgere anche il governo nazionale nell’emergenza inquinamento che da alcune settimane interessa l’area dell’impianto Eni nella Val d’Agri. “Apprezzo –ha detto Galletti- e mi impegno a dare subito seguito alla proposta del Presidente Pittella di un tavolo tecnico sul Centro Olio di Viggiano. Lo ritengo uno strumento giusto, che si affianca all’impegno che il mio Ministero sta mettendo in campo nell’ambito dell’accordo quadro già operativo con la Regione Basilicata, grazie al quale oggi l’Ispra opera di supporto dell’ArpaB sulle prioritarie questioni ambientali regionali. Ora ognuno faccia la propria parte, secondo le rispettive responsabilità, per permettere che lo stabilimento possa riaprire in piena sicurezza ambientale nel più breve tempo possibile”.

Blocco delle attività – Il via libera del ministro dell’Ambiente arriva nella stessa giornata in cui all’Eni è stato notificato il provvedimento di sospensione delle attività per il Centro Oli di Viaggiano disposto, alla vigilia di Pasqua, dall’amministrazione regionale. Il provvedimento non si limita a sospendere le attività dell’impianto per i prossimi 90 giorni, bensì impone all’Eni di trasmettere all’Arpab entro venti giorni un piano di manutenzione straordinario delle reti, delle condotte e dei serbatoi. Sarà sempre compito dei tecnici dell’Arpab, coadiuvati dai colleghi dell’Ispra, verificare l’efficacia delle misure di contenimento dell’inquinamento messe in atto da Eni nell’area del Cova. Tra le misure da adottare anche, precisa il provvedimento della Regione Basilicata, l’utilizzo di serbatoi dotati di doppio fondo. All’esito positivo di una verifica dei tecnici dell’Arpab è subordinata, infine, la ripresa delle attività del Centro Oli di Viggiano. In caso negativo la Regione è intenzionata a prolungare lo stop imposto all’impianto Eni.

Clemente Ultimo
Clemente Ultimo
Clemente Ultimo – vicedirettore Più Mezzogiorno – Giornalista professionista, classe ’76, si è occupato per diversi quotidiani (Corriere del Mezzogiorno ed Il Mattino tra gli altri) di politica, economia, sanità. Ha curato la comunicazione istituzionale per il Consorzio Aree di Sviluppo Industriale di Salerno. Scrive articoli di geopolitica e politica internazionale per una rivista tematica online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *