Primarie Pd, Piero De Luca a caccia ai voti per Matteo Renzi

Fonte: Repubblica.it

Fonte: Repubblica.it

La macchina da guerra del partito democratico in vista delle primarie del 30 aprile è in moto da tempo. Ma saranno decisivi questi 10 giorni che ci separano dall’apertura delle urne a determinare la vittoria di questo o di quel candidato. O meglio, per quanto attiene Salerno, l’unica incognita al momento resta quella della percentuale con la quale l’ex premier Renzi si imporrà a livello comunale e provinciale. I desiderata di Vincenzo De Luca sarebbero quelli di una vittoria bulgara, alla “deluchiana” insomma, di quelle affermazioni con l’80% dei consensi a salire.

Il primogenito del governatore a caccia di voti nel fortino. Piero De Luca, membro del coordinamento regionale Pd per la mozione Renzi, è alla disperata ricerca di ogni voto possibile da portare in dote a Matteo Renzi. Non solo per consentire al rottamatore fiorentino di conquistare al Sud una bella performance in termini di consenso popolare, ma anche e soprattutto per accreditarsi in vista della ormai certa candidatura alle prossime politiche del 2018. La visita del ministro Minniti a Salerno – in programma per la giornata di domani – è chiaramente motivata dal fatto che la costruzione del plebiscito per Renzi è ancora “work in progress”, tanto da rendere necessario l’arrivo di un big in città. Rumors provenienti da Palazzo Guerra confermano inoltre che il primogenito del governatore della Campania abbia avviato una serie di contatti e di riunioni con ex esponenti del Pd locale, oggi fuoi dai giochi, per recuperare quanti più voti è posibile in vista della domenica delle primarie.

Minniti a Salerno per Renzi e De Luca, la posizione di Angelica Saggese. “La presenza del ministro Minniti a Salerno ci gratifica. Le risposte che con il suo lavoro sta dando sul tema della sicurezza rispecchiano la linea che il Partito Democratico, così come lo intende Matteo Renzi, intende seguire su una questione delicata e fondamentale, molto sentita da amministratori locali e cittadini». Ad affermarlo è la senatrice del Pd Angelica Saggese, membro del coordinamento nazionale della mozione Renzi. Giovedì 20 aprile, alle ore 18 presso la Sala Bottiglieri di Palazzo Sant’Agostino, la senatrice, insieme a Piero De Luca del coordinamento mozione Renzi in Campania, introdurrà l’incontro con il ministro dell’Interno Marco Minniti in vista delle elezioni primarie del prossimo 30 aprile. Siamo contenti che il ministro Minniti abbia scelto Salerno come tappa del suo tour in vista della primarie – continua Saggese – L’incontro di giovedì pomeriggio sarà l’occasione per una discussione sulla piattaforma programmatica della mozione Renzi, su come il partito democratico a guida Renzi-Martina immagina il futuro del Paese e, in particolare, quale idea abbiamo su temi delicati ed importanti come sicurezza ed immigrazione. Il ministro Minniti, infatti, sta trattando una questione di importanza nodale in maniera coerente sia con le richieste dei sindaci, sia con i timori e i bisogni dei cittadini. Il suo agire – sottolinea la senatrice Saggese – è espressione del modo in cui il Pd di Renzi, anche per il futuro, intende affrontare il tema per garantire sicurezza nelle città e quindi nell’intero Paese: accoglienza e al tempo stesso rigore“.

Umberto Adinolfi
Umberto Adinolfi
Classe 1972, giornalista professionista. Redattore interno e collaboratore per diversi quotidiani a diffusione regionale e nazionale (Corriere del Mezzogiorno, NewPress), nonché per l’agenzia stampa Asca Campania, dal 2012 lavora come freelance per l’edizione salernitana del quotidiano “Il Mattino”, impegnato nella redazione Politica. Dal 2012 è direttore responsabile del periodico “Paperboy”, unica testata giornalistica in Italia interamente realizzata da praticanti giornalisti affetti da disabilità psichiche e motorie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *