Media inglesi in visita a Salerno: la chance del turismo d’oltre Manica

I flussi turistici provenienti dalla Gran Bretagna innamorati delle bellezze artistiche, storiche e paesaggistiche del territorio salernitano. In questi giorni i rappresentanti dei principali quotidiani d’oltre Manica stanno effettuando un educational tour in città e in diversi centri della provincia alla scoperta dei possibili itinerari turistici. Ad accompagnarli l’assessore comunale al Bilancio e Sviluupo Economico Roberto De Luca che sulla sua pagina Facebook, così descrive l’incontro: ” Quattro giornaliste delle principali testate inglesi (The Times and The Sunday Times , The Telegraph, The Independent, National Geographic Magazine, Vogue e The Guardian) e 40 tour operator britannici sono in questi giorni a Salerno e provincia per un educational tour organizzato dall’ABTOI (Association of British Travel Organisers to Italy). Questa mattina ho accompagnato le giornaliste Isabel Choat, Lisa Gerard Sharp, Kate Simon, Simone Kane in una visita guidata della città e dei suoi principali attrattori. Stiamo lavorando per rendere più strutturali i flussi di visitatori provenienti dal Regno Unito nella nostra città. Gli obiettivi sono sostanzialmente due: da un lato ampliare la consistenza degli arrivi grazie a una campagna promozionale da veicolare attraverso le associazioni di categoria ed i tour operator specializzati e ben inseriti nel mercato turistico del Nord Europa; dall’altro rendere più fruibili le informazioni al momento del primo contatto con la nostra città, anche tramite il rafforzamento della rete di info-point operativi in città. Intendiamo configurare pacchetti turistici integrati dedicati specificamente ai visitatori in entrata dalla Gran Bretagna sulla base di un profilo chiaro e testato: grande attenzione agli itinerari artistici, architettonici e culturali; valorizzazione del nostro storico Giardino della Minerva; promozione dei luoghi dello sbarco degli Alleati. Stiamo, dunque, entrando nel merito dell’elaborazione di un’offerta che sia in grado di fare crescere il tasso di permanenza dei turisti nella nostra città e di incentivare l’ampliamento degli itinerari di visita nelle località già saldamente inserite nelle mappe internazionali come la Costiera Amalfitana, Paestum ed il Cilento”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *