Cardarelli in emergenza, si riaccende lo scontro politico sulla sanità campana

Il pronto soccorso dell’ospedale Cardarelli fa registrare in queste ore un preoccupante aumento di accessi, tanto da spingere il direttore generale Ciro Verdoliva ad attivare i protocolli d’emergenza. E di fronte alla possibilità, purtroppo concreta, di ritrovarsi nuovamente con i corridoi del nosocomio intasati da malati sistemati alla meno peggio sulle barelle si riaccende la polemica politica.

Situazione critica – Ad innescare il meccanismo le dichiarazioni arrivate in mattinata dai vertici del Cardarelli. “L’afflusso di pazienti al nostro pronto soccorso –dice Verdoliva- sta rapidamente aumentando e prevediamo che con l’approssimarsi del primo maggio la situazione, già molto complessa negli ultimi due week end, possa diventare estremamente seria. Per gestire l’emergenza e governare questi flussi straordinari, dalle 7.30 di questa mattina ho disposto presso la direzione generale l’insediamento della nostra Unità di Crisi”. Parole che ad alcuni lasciano intravedere il ripetersi delle scene già viste presso l’ospedale di Nola qualche mese fa. “L’attivazione automatica dei protocolli definiti per le situazioni d’emergenza –spiega il direttore generale del Cardarelli- e la gestione della situazione grazie al lavoro dell’Unità di Crisi servirà a garantire la continuità assistenziale. Come da protocollo la direzione strategica ha intensificato i contatti con tutte le altre Aziende Ospedaliere chiamate dalla Regione a contribuire per l’individuazione di ulteriori disponibilità di posti letto”.

De Luca nel mirino – Parole, quelle del direttore generale del Cardarelli, che per gli esponenti del centrodestra a Palazzo Santa Lucia non sono particolarmente rassicuranti. Il primo ad andare all’attacco è Massimo Grimaldi, capogruppo di “Caldoro Presidente” in consiglio regionale. “La propaganda di Vincenzo De Luca –dichiara Grimaldi in una nota- è affossata dai fatti. Il nuovo allarme al Cardarelli conferma il fallimento della gestione De Luca e soprattutto rappresenta l’ennesimo campanello d’allarme su tutto il sistema campano. La sanità peggiora, i servizi peggiorano e peggiorano i conti. Non è solo il Cardarelli a soffrire, le difficoltà sono dappertutto e non basta più l’eroica abnegazione del personale sanitario. Si torni al lavoro serio, si recuperino risorse a Roma con un lavoro intelligente e si proceda con più determinazione alle nuove assunzioni”.

I sindacati – Alla vigilia del primo maggio le organizzazioni sindacali confederali hanno deciso di mettere proprio la sanità al centro della propria iniziativa, anche fisicamente: la manifestazione nella città di Napoli si svolgerà nel piazzale antistante il pronto soccorso dell’ospedale Loreto Mare. “A fronte di un servizio sanitario regionale sempre più svuotato delle sue funzioni di governance dell’offerta sanitaria –hanno detto Walter Schiavella, Gianpiero Tipaldi e Giovanni Sgambati, rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil- gli effetti nefasti della corruzione sono evidenti anche sul piano macroeconomico: cresce la spesa pubblica a causa di eventuali maggiori costi per forniture, investimenti e sprechi; cresce il prelievo fiscale in conseguenza dell’aumento della spesa pubblica; si contraggono i consumi per l’aumento del prelievo fiscale; si contrae il settore d’impresa, con conseguente disoccupazione e ulteriore aumento della spesa pubblica per gli ammortizzatori sociali”. per questo, oltre a migliorare la trasparenza dei procedimenti e difendere la legalità, è necessario per i sindacati potenziare “i livelli di erogazione dei servizi, la qualità della pubblica amministrazione congiuntamente alla valorizzazione delle professionalità e delle competenze dei lavoratori del settore al fine di costruire una vera difesa del lavoro pubblico e dei servizi pubblici essenziali e garantire qualità, regolarità e continuità del lavoro negli appalti”.

Clemente Ultimo
Clemente Ultimo
Clemente Ultimo – vicedirettore Più Mezzogiorno – Giornalista professionista, classe ’76, si è occupato per diversi quotidiani (Corriere del Mezzogiorno ed Il Mattino tra gli altri) di politica, economia, sanità. Ha curato la comunicazione istituzionale per il Consorzio Aree di Sviluppo Industriale di Salerno. Scrive articoli di geopolitica e politica internazionale per una rivista tematica online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *