Parco archeologico di Paestum: tagliato il traguardo dei 400.000 visitatori

Il 400millesimo visitatore del Parco Archeologico di Paestum

Il Parco Archeologico di Paestum taglia il traguardo dei 400mila visitatori raggiunti in meno di un biennio, ovvero da quando, a seguito della riforma dei Beni Culturali voluta dal ministro Francescini, l’area archeologica in provincia di Salerno è diventata autonoma. Oggi è stato un turista milanese, Gianluca Chiesa,  a far tagliare il traguardo dei 400mila biglietti staccati dal 1° maggio 2016.  Soddisfatto il direttore Gabriel Zuchtriegel, in carica da novembre 2015: “Dietro la quantità c’è la qualità dell’offerta che riusciamo a garantire grazie al lavoro di tutti. Quando in questi giorni attraverso il museo e l’area archeologica e vedo le colleghe e i colleghi impegnati nei tanti progetti di fruizione, ricerca e conservazione che portiamo avanti, circondati da scuole, famiglie e turisti e talmente immersi che a volte non si accorgono neanche della mia presenza, sono profondamente felice. Il dirigente migliore è quello che con il suo lavoro di motivazione, di indirizzo e di formazione rende sé stesso sempre meno importante: vorrei fare di Paestum un sito creativo ed efficace che cammina sulle proprie gambe e in sinergia con il territorio”. 

Tra i prossimi eventi e iniziative, la serata su “Piranesi a Paestum”, il prossimo 20 maggio durante la Festa dei Musei – e l’apertura della mostra “Action painting rito & arte nelle tombe di Paestum” il 2 giugno. L’estate vedrà di nuovo “Paestum di notte” con aperture fino a mezzanotte con concerti e spettacoli tra i templi.

Clemente Ultimo
Clemente Ultimo
Clemente Ultimo – vicedirettore Più Mezzogiorno – Giornalista professionista, classe ’76, si è occupato per diversi quotidiani (Corriere del Mezzogiorno ed Il Mattino tra gli altri) di politica, economia, sanità. Ha curato la comunicazione istituzionale per il Consorzio Aree di Sviluppo Industriale di Salerno. Scrive articoli di geopolitica e politica internazionale per una rivista tematica online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *