Campania, primo maggio all’insegna dell’arte e della cultura

La Basilica di Paestum

Ponte del 1° maggio all’insegna della cultura in Campania: numerosi i musei ed i siti storici ed archeologici che resteranno aperti in occasione della festa del lavoro. Porte aperte nei tre principali siti archeologici della regione: Pompei, Paestum ed Ercolano. Visite garantite anche nei siti di Oplontis, Stabia e presso l’Antiquarium di Boscoreale.

Nuove aperture – Ad Ercolano la festa del 1° maggio assumerà un significato particolare: tre domus e le terme maschili saranno nuovamente aperte al pubblico. Si tratta di edifici di pregio architettonico, tra i principali dell’antica città: la Casa del Tramezzo di Legno, considerata un modello della Domus romana, per la chiara articolazione degli spazi interni, arricchita dalla presenza della straordinaria porta in legno che le ha dato il nome; la Casa Sannitica, con interessanti elementi decorativi tra i più antichi della città; le terme maschili, tipico impianto termale pubblico. Apertura straordinaria, invece, per la Casa dei Cervi, una ricca domus che godeva di un mirabile panorama sul golfo.

Tra Salerno ed Avellino – Numerosi i siti archeologici che resteranno aperti nella giornata dal 1° maggio nelle due città campane. A Salerno sarà possibile visitare il complesso monumentale di San Pietro a Corte (sia l’ambiente ipogeo che la cappella di Sant’Anna) nel cuore del centro storico dalle 10 alle 19. Due i siti aperti in costiera amalfitana, per quanti volessero godere non solo delle bellezze paesaggistiche offerte dalla Divina: a Maiori dalle 10 alle 13 sarà possibile visitare il complesso abbaziale di Santa Maria de Olearia, mentre a Minori dalle 8 alle 19 porte aperte alla villa romana. Tariffa speciale d’ingresso ad un euro per il Museo Archeologico Nazionale di Buccino, piccolo centro del Salernitano in cui nella parte vecchia del borgo è possibile scorgere le tracce dell’antica Volcei. Porte aperte anche per il Parco Archeologico di Velia, area oggetto di un importante progetto di valorizzazione. In Irpinia due i parchi archeologici visitabili in occasione del 1° maggio, quello di Aeclanum a Mirabella Eclano e l’area dell’antica Abellinum ad Atripalda.

Napoli – Tutti aperti in occasione della festa del lavoro i principali musei e siti storico-artistici della città di Napoli. Tra questi da segnalare la Certosa ed il Museo di San Martino, il Museo Archeologico Nazionale, Castel Sant’Elmo. Porte aperte anche al complesso monumentale dei Girolamini, a Villa Floridiana e Villa Pignatelli. A Palazzo Reale sarà possibile visitare le mostre “The young Pope” e “Totò genio”.

Clemente Ultimo
Clemente Ultimo
Clemente Ultimo – vicedirettore Più Mezzogiorno – Giornalista professionista, classe ’76, si è occupato per diversi quotidiani (Corriere del Mezzogiorno ed Il Mattino tra gli altri) di politica, economia, sanità. Ha curato la comunicazione istituzionale per il Consorzio Aree di Sviluppo Industriale di Salerno. Scrive articoli di geopolitica e politica internazionale per una rivista tematica online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *