Primarie, deluchiani assenti ai seggi: telefonate e sms roventi per i “traditori”

Era iniziata sotto tono la mattinata delle primarie di Salerno città. Ed invece proprio l’assenza ai seggi – quasi sistematica – di tanti esponenti della maggioranza a Palazzo di Città ha scatenato un vero e proprio scenario di guerra urbana. Siamo alle 12 e dopo 4 ore di operazioni di voto, i seggi salernitani fanno registrare in media una percentuale di affluenza del 15-18% rispetto al numero complessivo di votanti che si presume si recheranno alle urne entro le 20 di stasera. Numeri bassi, complice anche il bel tempo, che hanno indotto i collaboratori del sindaco Enzo Napoli e tutta la macchina organizzativa del Pd locale a prendere provvedimenti. In questi minuti è in atto una chiamata alle urne tramite telefonate e messaggi di whatasapp a dir poco roventi nei confronti di quei consiglieri “deluchiani” che hanno deciso di non collaborare come previsto alla raccolta del consenso in favore di Matteo Renzi.

I “diversamente deluchiani” sotto tiro. “Da stamattina – ci conferma a voce bassa uno dei “traditori” – sto ricevendo messaggi molto forti per indurmi a presenziare le urne e soprattutto a fare ulteriori proseliti in favore dell’ex premier. Una situazione davvero squallida, visto che molti di noi sono stati anche abbastanza chiari sia con il sindaco che con il suo staff politico. Ora però, visto che le cose stanno andando male, vogliono correre a ripari prendendosela con noi. Siamo davvero alla frutta in questa città”.

Dove si può votare in città. Ecco qui di seguito l’elenco dei seggi aperti su tutto il territorio comunale.

1- Cinema Augusteo (sezioni 1-2-3-4-5-14-15-6-7-8-9-10-11-19); 2 – Il Punto di Piazza Portarotese (sezione 12-13-16-17-18-20-21-49-53); 3 – Bar Hemingway di via Carmine 95 (sezione 22-23-24-25-26-27-28- 2943-45-46-47-48); 4 – Bottega di Alice di via Buonservizi 21 (sezione 30-31-32-33-34-35-36-37-80);
5 – Bar Parco Pinocchio di Piazza Montpellier (sezione 38-39-40-41-42-44); 6 – Spazio Donna (sezione 50-51-52-53-54-55-56-57- 58); 7 – Salerno Energia in via S.Passaro (sezione 69-70-71-72-73-74-75-76);
8 – Centro polifunzionale Matierno (sezione 81-82-83-84- 85-86); 9 – Associazione i Castellani di Giovi (sezione 88, 89, 142 e 149); 10 – Palestra Scherma di via Laurogrotto (sezioni 59-60-61-62- 63-64-65-66-67-78-79-87); 11 – Polo Nautico di via Lungomare Colombo (sezione 68-77-93-94-95- 96-97-98-99-100-101-109-110-111-112-113-114-115- 117-118-119); 12- Centro Sociale di via Cantarella (sezione 90-91-92-102-103-104-105-106-107-108- 116-120-121-123-135-136-137-138); 13 – Comitato di Quartiere Europa presso l’ex Chiesa di Gesù Redentore di via Moscati 3 (sezione 124-125-126-127-128-129-130- 131-132-133-134); 14 – Circolo Pd Parco Arbostella (sezione 122-1143-144-145-146-147-148); 15 – Associazione Quartiere di via D’Azeglio (sezione 139-140-141-150)

Umberto Adinolfi
Umberto Adinolfi
Classe 1972, giornalista professionista. Redattore interno e collaboratore per diversi quotidiani a diffusione regionale e nazionale (Corriere del Mezzogiorno, NewPress), nonché per l’agenzia stampa Asca Campania, dal 2012 lavora come freelance per l’edizione salernitana del quotidiano “Il Mattino”, impegnato nella redazione Politica. Dal 2012 è direttore responsabile del periodico “Paperboy”, unica testata giornalistica in Italia interamente realizzata da praticanti giornalisti affetti da disabilità psichiche e motorie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *