Basilicata, acque inquinate nel Basentello: il caso arriva in Regione

La diga del Basentello in Basilicata.

La qualità dell’acqua dell’invaso del Basentello – che attraversa il comune di Palazzo San Gervasio, in provincia di Potenza, al confine tra Basilicata e Puglia – è al centro dell’interrogazione urgente che il capogruppo di Noi a Sinistra, Enzo Colonna, ha presentato agli assessori regionali alle Risorse Idriche, alle Risorse Agroalimentari e all’Ambiente, Giovanni Giannini e Leo Di Gioia e Domenico Santorsola. “É necessario accertare con urgenza le cause e le possibili conseguenze dell’inquietante fenomeno di moria di pesci – spiega Colonna nell’interrogazione – verificatosi alcuni giorni fa nell’invaso lungo il torrente Basentello, in località Serra del Corvo, al confine tra la Puglia e la Basilicata e precisamente fra i territori dei Comuni di Gravina in Puglia, Poggiorsini, Genzano di Lucania e Irsina“.

La preoccupazione dei sindaci – I sindaci dei Comuni Genzano di Lucania e Gravina in Puglia, in via precauzionale, hanno disposto con ordinanza – sottolinea Colonna – il divieto di pesca e di attingimento di acque, l’abbeveraggio di animali domestici e di allevamento. Le acque di tale invaso, infatti sono abitualmente utilizzate – ricorda Colonna – per scopi agricoli e la zona, naturalisticamente attraente, costituisce meta di escursionisti e appassionati di pesca. Occorre pertanto verificare rapidamente se il fenomeno – conclude Colonna – abbia compromesso la qualità dell’acqua dell’invaso e quindi se vi siano rischi per le colture e gli allevamenti che ne fanno uso e per la salute dei cittadini che frequentano la zona“.

Mattia Carpinelli
Mattia Carpinelli
Nato a Salerno, giornalista pubblicista dal 2008, collabora - ed ha collaborato - con diverse testate locali (La Città di Salerno, Il Mattino-Salerno, Radio Alfa) occupandosi di cronaca, politica, ambiente, sanità, lavoro. Ascolta tanta musica che nessuno conosce e qualche volta riesce anche a finire dei libri comprati mesi prima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *