Primarie Pd, Emiliano lancia Fronte Democratico: “Se Renzi cambia, io con lui”

Il governatore della Puglia, Michele Emiliano.

La mia mozione ha avuto dieci milioni di base elettorale in meno: non abbiamo potuto gareggiare come gli altri in Lombardia, in Liguria, in Friuli. Quanto al Sud, la nostra affermazione, pur avendo fatto una campagna a largo raggio e non soltanto meridionalistica, è stata straordinaria. 15 punti sopra la nostra media nazionale“. Lo ha detto il presidente della Puglia Michele Emiliano in un’intervista a Il Messaggero, commentando l’esito delle primarie del Pd in cui è arrivato al terzo posto. “I partiti – ha detto Emiliano – sono fatti di correnti, per fortuna, e non possono essere monolitici. Questo vale anzitutto per il Pd. Sabato a Roma lanciano il nostro Fronte democratico e sarà un grande arricchimento politico per tutti“.

Sulla natura “litigiosa” del Partito democratico, il governatore pugliese ha detto che “se si litiga sui contenuti, evviva il litigio. Io non faccio mai questioni personali. Ho fatto baruffa con D’Alema, con Bersani, con Renzi. Ma sempre sul piano dei valori e delle cose da fare. Per me, sono importanti le battaglie sui gasdotti, sull’ambiente, sul lavoro, sulla scuola. E non faccio la corrente per piazzare i miei. Non ho un esercito al seguito, e va bene così: solo 12 parlamentari e 200.000 voti venuti fuori dal nulla. Non devo collocare nessuno, a parte le mie idee“.

Infine sul suo rapporto con il futuro segretario Matteo Renzi, Emiliano assicura che “dal punto di vista personale, con Matteo ci siamo simpatici a vicenda” e “se Renzi ha imparato la lezione politica che ha avuto prima, durante e dopo il referendum, non è detto affatto che io lo tormenterò. Se Matteo cambierà registro sui temi da affrontare, se correggerà la sua politica sul contrasto alla povertà, sulla riforma della scuola, sul campo ambientale ed energetico, sul rapporto con i gruppi economici potenti da cui dovrà essere più equidistante, io sarò un militante leale al suo fianco”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *