Rc Auto, costi in risalita: è la Campania la regione dove si paga di più

A gennaio 2017 il premio medio RC auto, calcolato in Italia, è stato di 518,43 euro. Rispetto all’anno precedente (500,56 euro), la tariffa media fa segnare un +3,57%. La variazione, rispetto ai 6 mesi precedenti (511,41 euro), èdel +1,37%. Sono i dati dell’Osservatorio di Facile.it e Assicurazione.it sull’andamento delle polizze Rc Auto contenuti nella dodicesima Guida alla Sicurezza Stradale di Viasat Group presentata oggi a Roma con un’edizione che celebra il trentennale dell’azienda italiana leader europea dei dispositivi satellitari.

Si tratta del primo significativo aumento dopo molti mesi di continui cali – prosegue la ricerca – che vedono differenze importanti a livello regionale. A livello semestrale, il caso più eclatante è quello del Molise, in cui i premi sono cresciuti dell’8,07%. Anche nelle Marche e in Sardegna i premi sono cresciuti rispettivamente del 4,86% e del 4,3%. In Veneto, i costi sono scesi in media dell’1,96%; anche in Valle d’Aosta hanno registrato una contrazione pari all’1,78%. Guardando all’andamento annuale dei premi (gennaio 2017 – gennaio 2016) e’ la Sardegna ad aver registrato la crescita maggiore: +11,47%. A seguire il Trentino Alto Adige ha visto i prezzi salire del 9,97%.

Il segnale resta negativo solo per Puglia (-2,93%), Calabria (-2,64%) e Basilicata (-1,74%). Per quanto riguarda i prezzi, la Campania e’ sempre la regione più cara: qui il premio medio a gennaio 2017 e’ pari a 817,78 euro. Seconda è  la Calabria (603,03); la Puglia pur con premi in calo, conferma la sua terza posizione (590,64 euro). La Valle d’Aosta è l’area in cui assicurare le auto costa meno, con una media di 324,39 euro. In Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia, i premi sono pari, rispettivamente, a 377,65 euro e 368,27.

Mattia Carpinelli
Mattia Carpinelli
Nato a Salerno, giornalista pubblicista dal 2008, collabora - ed ha collaborato - con diverse testate locali (La Città di Salerno, Il Mattino-Salerno, Radio Alfa) occupandosi di cronaca, politica, ambiente, sanità, lavoro. Ascolta tanta musica che nessuno conosce e qualche volta riesce anche a finire dei libri comprati mesi prima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *