Nuova Dc, Papa Francesco: “Cattolici italiani, è ora di scendere in politica”

L'incontro svoltosi a Salerno il 18 marzo scorso

L'incontro svoltosi a Salerno il 18 marzo scorso

La Democrazia Cristiana del terzo millennio sta diventano realtà. Dopo i diversi incontri in giro per l’Italia – tra cui anche la tappa salernitana del 18 marzo scorso, raccontata da Più Mezzogiorno – il nuovo soggetto politico dei cattolici e di tutto l’universo di associazione e movimenti che si ispirano alla dottrina sociale della Chiesa cattolica è ad un passo dal suo lancio ufficiale. In queste ultime ore, gli attivisti e i promotori dell’Appello di Rovereto – con in testa il senatore Ivo Tarolli – stanno definendo compiti e azioni da mettere in campo in vista della prima ufficiale del nuovo partito politico. La legge elettorale che dovrà essere approvata entro l’estate sicuramente offrirà una visione differente anche dal punto di vista della strategia di preparazione alle elezioni, visto che tornerà prepotentemente l’aspetto della rappresentanza proporzionale.

La benedizione di Papa Francesco per i 150 anni dell’Azione Cattolica. Ecco un estratto del discorso del Papa sull’anniversario della fondazione dell’Azione Cattolica italiana. “Cari soci di Azione Cattolica, ogni vostra iniziativa, ogni proposta, ogni cammino sia esperienza missionaria, destinata all’evangelizzazione, non all’autoconservazione. Il vostro appartenere alla diocesi e alla parrocchia si lungo le strade delle città, dei quartieri e dei paesi. Come è accaduto in questi centocinquanta anni, sentite forte dentro di voi la responsabilità di gettare il seme buono del Vangelo nella vita del mondo, attraverso il servizio della carità, l’impegno politico, – mettetevi in politica, ma per favore nella grande politica, nella Politica con la maiuscola – attraverso anche la passione educativa e la partecipazione al confronto culturale“.

Umberto Adinolfi
Umberto Adinolfi
Classe 1972, giornalista professionista. Redattore interno e collaboratore per diversi quotidiani a diffusione regionale e nazionale (Corriere del Mezzogiorno, NewPress), nonché per l’agenzia stampa Asca Campania, dal 2012 lavora come freelance per l’edizione salernitana del quotidiano “Il Mattino”, impegnato nella redazione Politica. Dal 2012 è direttore responsabile del periodico “Paperboy”, unica testata giornalistica in Italia interamente realizzata da praticanti giornalisti affetti da disabilità psichiche e motorie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *