Al Tuttofood di Milano i nuovi prodotti di Pasta Amato

Pasta senza glutine e pasta integrale biologica: queste le novità che Pasta Antonio Amato presenterà in occasione di Tuttofood 2017, il salone internazionale dell’agroalimentare che ha aperto i suoi battenti questa mattina a Milano.  E’ nell’ambito di questa manifestazione, diventata un punto di riferimento imprescindibile per gli operatori del settore, che lo storico pastificio salernitano presenterà le nuove linee di prodotti.

Le novità – La pasta senza glutine Antonio Amato è senza emulsionanti (E 471), per garantire un prodotto 100% salutare e privo di additivi. L’introduzione della pasta integrale biologica, naturalmente fonte di fibre, consente l’ampliamento del paniere della dieta mediterranea che già comprende pomodori, olio, farine, semola rimacinata e tonno. Ma le novità presentate a Milano riguardano anche il ridisegno delle confezioni, voluto per fornire ulteriori informazioni ai consumatori. In particolare sulle nuove confezioni sarà presente il bollino con la dicitura “Grano 100% italiano – macinato fresco”. Un modo per evidenziare una delle caratteristiche della pasta Amato:l’essere prodotta esclusivamente con grano di provenienza nazionale e macinato fresco. Un elemento che, per l’azienda, rappresenta un’ulteriore garanzia di qualità del prodotto. Pasta Antonio Amato grazie all’attivazione del mulino nel sito di Salerno, in 24 ore completa il processo che va dalla materia prima, alla sua trasformazione, alla pasta, il tutto con un impatto ambientale ed emissione di CO2 ridotti a livelli minimi.

Il legame con il territorio – Le nuove linee produttive ed il ridisegno delle confezioni confermano la volontà del gruppo Di Martino di Gragnano, dal 2012 proprietario dello storico marchio salernitano e reduce dall’acquisizione di Grandi Pastai Italiani, di continuare ad investire nel rilancio della Pasta Amato, nel segno di una continuità e valorizzazione del legame con il territorio. In quest’ottica, infatti, vanno lette non solo la scelta di richiamare nel disegno delle confezioni quello delle tradizionali ceramiche locali, ma anche l’intenzione dell’azienda di porsi come “ambasciatore” di Salerno e delle costiere amalfitana e cilentana , attraverso la valorizzazione del patrimonio gastronomico di questo territorio in Italia e nel mondo. Esempio evidente di questa scelta i “Diari Salernitani”, uno spazio sul sito web dell’azienda in cui, attraverso notizie e curiosità relative al territorio, si coniugano ricette e sapori, eventi e luoghi, legando il brand Antonio Amato con la zona d’elezione e d’origine che lo contraddistingue come uno dei marchi di pasta più noti in Italia e all’estero.

Clemente Ultimo
Clemente Ultimo
Clemente Ultimo – vicedirettore Più Mezzogiorno – Giornalista professionista, classe ’76, si è occupato per diversi quotidiani (Corriere del Mezzogiorno ed Il Mattino tra gli altri) di politica, economia, sanità. Ha curato la comunicazione istituzionale per il Consorzio Aree di Sviluppo Industriale di Salerno. Scrive articoli di geopolitica e politica internazionale per una rivista tematica online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *