Legge elettorale, accordo Pd-M5S? De Luca e Mastella alla finestra

Fonte: Ildesk.it

Tentativo di dialogo Pd-M5s sulla legge elettorale in vista dell’arrivo in commissione Affari Costituzionali del testo base di modifica del sistema di voto che dovrebbe essere messo a punto dal relatore del provvedimento, il presidente, Andrea Mazziotti. “Nell’inerzia di tutti i partiti che hanno detto solo dei “no” – dice il capogruppo Pd Ettore Rosato – giovedì arriverà senz’altro un testo di legge elettorale. Ce ne facciamo carico insieme al relatore. Sono convinto che si potrà trovare una maggioranza con chi ci sta, con chi ha voglia di fare sul serio” (fonte: Ansa.it).

In Campania fiato sospeso per tutti i partiti “regionali”: da Campania Libera di De Luca a Noi Sanniti di Clemente Mastella. Ovviamente la quota proporzionale, qualora la legge prendesse tale piega, metterebbe in gioco tutta una costellazione di partiti e movimenti territoriali. I più interessati al momento sono il governatore della Campania Vincenzo De Luca e la “sua creatura” Campania Libera e Clemente Mastella, con il movimento “Noi Sanniti”. In aggiunta, anche l’Udc – sempre più partito campano piuttosto che nazionale – resta alla finestra per capire come andrà a finire.

La posizione di Luigi Di Maio, vice presidente della Camera. “In questo momento – ha detto Luigi Di Maio parlando a Rtl – vogliamo scrivere le regole del gioco insieme al partito di maggioranza, il PD, e lo vogliamo fare per due ragioni: c’è stato l’appello di Mattarella che chiede di fare una legge elettorale in modo che ci sia una chiarezza sul risultato dopo le prossime elezioni, e poi il Paese è in grave crisi e non possiamo permetterci nuove elezioni politiche in cui ancora una volta si partorisce un risultato incerto che porta ad eventuali inciuci ed eventuali grandi ammucchiate, per questo abbiamo fatto una proposta a Renzi e al PD”. “Loro, sulla base del Legalicum – ha evidenziato – cosa propongono? Dei correttivi? Guardiamoli insieme in Commissione e poi approviamo insieme una legge elettorale condivisa, l’importante è che sia nell’ottica della costituzionalità della legge”. “L’unica cosa che io non toccherei – ha poi chiarito Di Maio – è il premio alla lista, perché se cominciamo a fare il premio alla coalizione finiamo per fare come Prodi con Mastella o Berlusconi con Fini che poi si sfilano i vari partiti interni e diventa un disastro”.

Richetti e Martina del Pd aprono ai pentastellati. “Se Di Maio e il M5S fanno sul serio – replica Matteo Richetti – e sono pronti ad assumersi fino in fondo la responsabilità di una legge elettorale condivisa, è possibile costruire in tempi rapidi un terreno di intesa. L’importante è che l’impostazione, anche per le liste, conservi un impianto maggioritario e che garantisca governabilità come chiesto da Renzi. Nessun ritorno a logiche da “proporzionale” e restituzione di un risultato chiaro rispetto alle scelte dei cittadini. Su questo siamo pronti ad un lavoro responsabile e proficuo”. “Vediamo. Ho letto del ragionamento di Luigi Di Maio sulla legge elettorale. Direi che se sono rose fioriranno. Di certo noi vogliamo difendere il più possibile un impianto maggioritario che garantisca governabilità. Se le aperture sono vere noi di certo non ci sottraiamo”, dice Maurizio Martina.

I grillini si battono per il “Legalicum”. “Il M5S ha avanzato la sua proposta, che è il Legalicum e, come già affermato, è disposto ad aprire ad un dialogo nel luogo deputato, la commissione Affari costituzionali. Al Pd, dunque – dice poi il Movimento cinque stelle in una nota – confermiamo la nostra totale disponibilità e a tal fine prendiamo atto dell’ultima proposta ufficiale del Pd depositata in Parlamento, in data 13 marzo 2017, a prima firma Fragomeli e sulla base di questo testo, e del Legalicum proposto dal M5S, cerchiamo di trovare una sintesi in commissione”. La proposta di cui parla il movimento cinque stelle prevede l’abbassamento al 37% della soglia per ottenere il premio di maggioranza e non più il ballottaggio ma un secondo turno al quale partecipano tutte le forze che abbiano superato il 20% al primo turno con un quorum del 50% di partecipazione.

Umberto Adinolfi
Umberto Adinolfi
Classe 1972, giornalista professionista. Redattore interno e collaboratore per diversi quotidiani a diffusione regionale e nazionale (Corriere del Mezzogiorno, NewPress), nonché per l’agenzia stampa Asca Campania, dal 2012 lavora come freelance per l’edizione salernitana del quotidiano “Il Mattino”, impegnato nella redazione Politica. Dal 2012 è direttore responsabile del periodico “Paperboy”, unica testata giornalistica in Italia interamente realizzata da praticanti giornalisti affetti da disabilità psichiche e motorie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *