Clamoroso dietrofront sui dehors? I deluchiani mettono in minoranza il sindaco Napoli

maggioranza-consiglio-comunale-salerno

La trattativa tra la giunta Napoli e buona parte dei consiglieri di maggioranza sul tema del nuovo regolamento dehors sembra essere giunta ad una svolta. Clamorosa dal punto di vista politico, in quanto sembrerebbe indirizzata verso un inaspettato dietrofront di Palazzo Guerra su alcuni aspetti “dubbi” dello stesso strumento normativo, cassati di netto per far spazio alle istanze di modifica provenienti – in particolare – dai cosiddetti “diversamente deluchiani”, tra cui i consiglieri Corrado Naddeo e Leonardo Gallo. Dubbi presenti anche prima dell’ultimo consiglio comunale di fine marzo, quando il provvedimento venne ritirato dall’ordine del giorno, come anticipato da Più Mezzogiorno.

Passo indietro necessario per evitare il flop in consiglio. In queste ultime ore, che precedono il summit di maggioranza programmato per domani pomeriggio nella sala giunta di Palazzo di Città, gli uffici che fanno capo all’assessorato all’Annona – retto da Dario Loffredo – starebbero verificando come modificare la struttura del regolamento in modo da accogliere sostanzialmente le richieste dei deluchiani più critici rispetto al contenuto dello stesso. Un passo indietro necessario e obbligato per il sindaco Napoli, che incassa suo malgrado l’ennesimo “voltafaccia” di parte della sua maggioranza, sempre più irrequieta dal punto di vista della gestione politica. Ovviamente si tratta di indiscrezioni provenienti da Palazzo Guerra che troveranno conferma nella riunione di domani pomeriggio. Fatto sta che il primo cittadino di Salerno risulta essere tecnicamente in minoranza, visto che per questa delicata faccenda, come per altre nel recente passato, è costretto nell’angolo ed a modificare un indirizzo precedentemente assunto.

Consiglio comunale il 26 maggio, all’ordine del giorno non solo il bilancio consuntivo. Si stanno intensificando in questi giorni i lavori delle nove commissioni consiliari, in vista della riunione del Salone dei Marmi il prossimo 26 maggio. Oltre all’approvazione del consuntivo 2016, in aula finirà anche il regolamento dehors (che sarà approvato senza scossoni particolari solo se modificato, altrimenti sarà guerra) e per la quinta volta (almeno così sembra) la variante urbanistica di Matierno (l’ampliamento di un opificio), già ritirata in quattro occasioni precedenti in quanto la maggioranza dei deluchiani ha sempre “denunciato” – nel caso di specie – l’assenza dell’interesse pubblico.

 

Umberto Adinolfi
Umberto Adinolfi
Classe 1972, giornalista professionista. Redattore interno e collaboratore per diversi quotidiani a diffusione regionale e nazionale (Corriere del Mezzogiorno, NewPress), nonché per l’agenzia stampa Asca Campania, dal 2012 lavora come freelance per l’edizione salernitana del quotidiano “Il Mattino”, impegnato nella redazione Politica. Dal 2012 è direttore responsabile del periodico “Paperboy”, unica testata giornalistica in Italia interamente realizzata da praticanti giornalisti affetti da disabilità psichiche e motorie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *