Boscoreale, 18 mesi di lavoro per riaprire Villa Regina ai turisti

La Villa Regina a Boscoreale - fonte: Soprintendenza Pompei

Diciotto mesi di lavoro per rendere nuovamente fruibile ai visitatori –dopo ben sette anni di chiusura- la Villa Regina di Boscoreale, una delle più importanti dimore rustiche di epoca romana del territorio vesuviano. I lavori hanno preso il via quest’oggi e prevedono interventi di restauro delle strutture, ad iniziare dal rifacimento delle coperture, e degli apparati decorativi. Altri interventi interesseranno i manufatti presenti all’interno della villa: rivestimenti in stucco delle colonne, pavimenti in battuto di coccio pesto, intonaci e dipinti murali, calchi in gesso degli infissi. Si tratta di un intervento di notevole rilievo, considerato che quella in oggetto è l’unica villa rustica del Vesuviano interamente riportata alla luce dagli archeologi, visitabile in tutte le sue ampie articolazioni. Al termine dell’intervento di restauro sarà così nuovamente completo l’itinerario di visita che si articola sull’Antiquarium e le ville di Boscoreale.

La struttura – L’impianto originario della villa risale al I secolo a.C. ma sono evidenti almeno due interventi di ampliamento, effettuati in epoca imperiale. La villa si sviluppa sui tre lati di un cortile scoperto, intorno al quale sono stati realizzati gli ambienti destinati alla vita quotidiana ed al lavoro. Tra gli ambienti della villa si segnalano in particolare: un ampio porticato che delimita il cortile scoperto; un vano utilizzato come deposito e temporanea cucina ed in cui si rinvennero gran parte delle suppellettili della villa, disposte su scaffalature e in un armadio; il torcularium con i resti del torchio ligneo ed i fori e pozzetti per il suo ancoraggio al suolo, la vasca di premitura ed il contenitore per la raccolta del mosto; il triclinio, dalle pareti decorate da pitture attribuite alla fase di transizione tra il III e il IV stile; la cucina, in disuso al momento dell’eruzione, con forno in muratura e focolare al centro della stanza; un vano di servizio con la cisterna per l’acqua, sormontata da un puteale fittile; il granaio per la conservazione di fieno, cereali e legumi, adiacente all’aia scoperta. A porre fine all’attività della villa rustica di Boscoreale la devastante eruzione del Vesuvio del 79 d.C.

Clemente Ultimo
Clemente Ultimo
Clemente Ultimo – vicedirettore Più Mezzogiorno – Giornalista professionista, classe ’76, si è occupato per diversi quotidiani (Corriere del Mezzogiorno ed Il Mattino tra gli altri) di politica, economia, sanità. Ha curato la comunicazione istituzionale per il Consorzio Aree di Sviluppo Industriale di Salerno. Scrive articoli di geopolitica e politica internazionale per una rivista tematica online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *