Caserta: Provincia senza soldi, chiudono le scuole

Con i conti in rosso e senza liquidità di cassa l’amministrazione provinciale di Caserta si appresta a chiudere le scuole superiori di sua competenza. Impossibile, a detta del presidente facente funzioni Silvio Lavornia, assicurare gli interventi di manutenzione indispensabili per garantire il rispetto delle norme di sicurezza previste dalla legge. “Nelle prossime ore –si legge in una nota diffusa dall’amministrazione provinciale- sarà firmato il decreto che dispone la chiusura di tutti gli edifici di competenza provinciale che ospitano le scuole superiori e che risultano senza le necessarie autorizzazioni prescritte dalla normativa in materia di antincendio, agibilità, staticità e sicurezza sul lavoro. Di ciò è stata informata anche la direttrice dell’Ufficio Scolastico Regionale della Campania, Luisa Franzese, per l’adozione dei provvedimenti di propria competenza”. La decisione è arrivata al termine di un serrato confronto tenutosi ieri mattina in Prefettura.

Il caso politico – La decisione del presidente della Provincia di Caserta, unica finora in Italia, è ben presto diventata occasione di nuove tensioni politiche. Da tempo, infatti, lo stato di crisi economica che interessa tutte le

Simone Valiante

Simone Valiante

amministrazioni provinciali d’Italia -a seguito dei tagli dei trasferimenti decisi dal governo- è al centro di una serie di iniziative promosse dall’Upi, iniziative rimaste tuttavia prive di seguito. Oggi, all’indomani dell’annunciata chiusura degli istituti superiori del Casertano, una dura critica alla legge di riforma voluta dal governo Renzi arriva da un esponente di primo piano dello stesso Partito Democratico. “Abbiamo partorito una riforma –dice l’onorevole Simone Valiante, componente della direzione nazionale del Pd- che nel tempo si sta rilevando non adeguata, senza porci il problema dell’esercizio di funzioni fondamentali che riguardano la vita delle nostre famiglie e la sopravvivenza dei nostri territori. Da tempo chiediamo una revisione della legge e lo stanziamento di risorse nel quadro dell’esercizio di funzioni fondamentali dello Stato, dalle quali nessuno può esimersi”.  Una richiesta, quella di Valiante, che si aggiunge alle tante avanzate in questi mesi dai presidenti di Provincia e dalla stessa Upi. Richieste che finora non hanno avuto risposta.

Clemente Ultimo
Clemente Ultimo
Clemente Ultimo – vicedirettore Più Mezzogiorno – Giornalista professionista, classe ’76, si è occupato per diversi quotidiani (Corriere del Mezzogiorno ed Il Mattino tra gli altri) di politica, economia, sanità. Ha curato la comunicazione istituzionale per il Consorzio Aree di Sviluppo Industriale di Salerno. Scrive articoli di geopolitica e politica internazionale per una rivista tematica online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *