Elezioni 2018, Vincenzo De Luca punta a due candidati blindati su Salerno

vincenzo-deluca

Dopo il grosso fermento che ha fatto seguito alla esclusione di Piero De Luca dalla direzione nazionale del partito e il contatto telefonico “riparatore” tra il bureau di Matteo Renzi e il governatore della Campania Vincenzo De Luca, la strategia in vista delle prossime elezioni politiche inizia a delinearsi con maggiori dettagli e precisione. Da Napoli arriva la conferma che il presidente della Regione Campania De Luca ha messo nero su bianco la lista delle candidature della sua area politica su tutto il territorio regionale. Ovvio che a Salerno, l’ex sindaco conta di recitare ancora il ruolo di prima donna, sia in termini di affluenza che di percentuali. Ecco perchè, in virtù del patto che lo stesso De Luca strinse a gennaio con Renzi, sono due le posizioni blindate che il governatore avrebbe chiesto al segretario nazionale del Pd.

Piero De Luca ed un deluchiano di ferro su Salerno città. Una scelta netta quella di De Luca. Oltre al suo primogenito, che in queste ultime giornate continua a prendere posizioni ufficiali su tutte le tematiche politiche possibili cercando la massima visibilità mediatica, il governatore della Campania ha in mente il nome di uno suo fedelissimo da affiancare al figlio. Sull’agenda di De Luca tre sarebbero i papabili che aspirano ad una candidatura blindata, anche perchè in una città che alle ultime amministrative ha regalato un consenso enorme (pari al 75% dei voti validi), è ancora lecito immaginare di poter “gestire” le proprie truppe anche per le elezioni politiche, nonostante i preoccupanti cali di affluenza registrati negli anni addietro. In pole position c’è un assessore del Comune di Salerno, da sempre al fianco di Vincenzo De Luca e con una grossa esperienza amministrativa alle spalle. Subito dopo, ci sarebbe un nominativo indicato dal motore organizzativo di Campania Libera, il presidente degli industriali Andrea Prete. Infine l’ultimo nome in agenda è un giovane emergente del Pd provinciale, su cui De Luca punto molto.

Umberto Adinolfi
Umberto Adinolfi
Classe 1972, giornalista professionista. Redattore interno e collaboratore per diversi quotidiani a diffusione regionale e nazionale (Corriere del Mezzogiorno, NewPress), nonché per l’agenzia stampa Asca Campania, dal 2012 lavora come freelance per l’edizione salernitana del quotidiano “Il Mattino”, impegnato nella redazione Politica. Dal 2012 è direttore responsabile del periodico “Paperboy”, unica testata giornalistica in Italia interamente realizzata da praticanti giornalisti affetti da disabilità psichiche e motorie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *