Nasce la pasta 100% “made in Basilicata”

Nasce la pasta al 100% made in Basilicata. L’iniziativa è frutto della collaborazione tra Coldiretti Basilicata ed il pastificio De Sortis. In questa prima fase si procederà alla produzione, presso lo stabilimento di San Nicola di Pietragalla, di quattro formati di pasta, sulle cui confezioni sarà ben evidente la dicitura “pasta lucana 100 per cento”. Diversi gli obiettivi che i promotori dell’iniziativa puntano a raggiungere. Ad iniziare dalla volontà di promuovere le produzioni di qualità legate al territorio, oltre che  “contribuire concretamente all’affermazione di logiche organizzative e produttive finalizzate a salvaguardare i valori etici ed economici del comparto cerealicolo”, come sottolinea il presidente di Coldiretti Basilicata, Piergiorgio Quarto.

Tutela dei consumatori – L’indicazione sulla provenienza del grano duro utilizzato per la produzione della pasta made in Balicata offrirà, inoltre, ai consumatori un importante elemento di garanzia. “L’assenza dell’indicazione chiara dell’origine –spiega Quarto- non consente di conoscere un elemento di scelta determinante per le caratteristiche qualitative, ma impedisce anche ai consumatori di sostenere le realtà produttive nazionale e con esse il lavoro e l’economia del vero made in Italy che in un momento difficile per l’economia dobbiamo portare sul mercato il valore aggiunto della trasparenza con l’obbligo di indicare in etichetta l’origine di tutti gli alimenti”. Quanto questo aspetto sia rilevante, anche sotto il profilo economico, è presto detto: l’Italia è il principale produttore europeo di grano duro, destinato alla pasta, che assume un’importanza rilevante data l’elevata superficie coltivata, pari a circa 1,3 milioni di ettari per oltre 4,8 milioni di tonnellate di produzione che si concentra nelle regioni meridionali. A fronte di ciò, tuttavia, in molti casi per la produzione di pasta è utilizzato grano d’importazione, senza che questo dato sia evidente per i consumatori. Di qui la richiesta di Coldiretti di introdurre sulle confezioni di pasta un’apposita etichetta, destinata a fornire indicazioni sulla provenienza della materia prima utilizzata nel confezionamento del prodotto.

Clemente Ultimo
Clemente Ultimo
Clemente Ultimo – vicedirettore Più Mezzogiorno – Giornalista professionista, classe ’76, si è occupato per diversi quotidiani (Corriere del Mezzogiorno ed Il Mattino tra gli altri) di politica, economia, sanità. Ha curato la comunicazione istituzionale per il Consorzio Aree di Sviluppo Industriale di Salerno. Scrive articoli di geopolitica e politica internazionale per una rivista tematica online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *