Dehors e variante a Matierno, De Luca pronto a epurare i dissidenti?

vincenzo-de-luca

Saranno 15 giorni davvero intensi quelli che separano la maggioranza dal consiglio comunale di fine maggio. E con tutta quella carne a cuocere, le scintille sono garantite. A partire dalle questioni dei dehors e della variante di Matierno, argomenti su cui di certo i consiglieri del fronte deluchiano promettono di dare battaglia. E visto che il sindaco Napoli non è riuscito – almeno per il momento – a ricucire lo strappo politico, in queste ore giunge da Napoli la conferma che il governatore della Campania Vincenzo De Luca ha deciso di prendere in mano questa situazione di impasse a Palazzo Guerra, spronando i suoi ad una maggiore lealtà nei confronti dell’amministrazione comunale.

Troppo silenzio su argomenti scottanti. Cosa accadrà? Nonostante il silenzio assordante di questi giorni, sono ben tre le riunioni in programma da oggi e fino alla celebrazione del prossimo consiglio comunale, che potrebbe tenersi il 26 di maggio o in alternativa il 30 o 31 dello stesso mese. In primis, come promesso dallo stesso sindaco Napoli in occasione del summit di giovedì scorso, ci sarà nei prossimi giorni una riunione con la partecipazione dei 6 capigruppo di maggioranza, nel corso della quale dovrebbe essere affrontato in maniera definitiva l’argomento dehors. Nessuna indiscrezione giunge da Palazzo di Città rispetto all’eventuale accoglienza dei rilievi mossi da diversi esponenti della maggioranza. E ciò potrebbe essere dipeso proprio dal fatto che il governatore De Luca ha deciso di intervenire in prima persona per “sedare” qualsiasi tentativo di rivolta interno al fronte di maggioranza. Per la serie, questo è il regolamento e così va approvato. Una prova muscolare che però potrebbe sfociare in consiglio comunale con la classica conta. Con chissà quali conseguenze politiche per coloro i quali si attesteranno su una posizione contraria alle scelte della giunta Napoli. Staremo a vedere. Stesso discorso andrebbe fatto per la variante di Matierno, di cui nessuno sembra essersi accorto della presenza nel prossimo ordine del giorno. Subito prima del consiglio comunale, si celebreranno poi i classici appuntamenti della conferenza di tutti i capigruppo e il summit politico di maggioranza. Solo al termine di questa terna di incontri, si potrà avere più chiaro il quadro della situazione.

Umberto Adinolfi
Umberto Adinolfi
Classe 1972, giornalista professionista. Redattore interno e collaboratore per diversi quotidiani a diffusione regionale e nazionale (Corriere del Mezzogiorno, NewPress), nonché per l’agenzia stampa Asca Campania, dal 2012 lavora come freelance per l’edizione salernitana del quotidiano “Il Mattino”, impegnato nella redazione Politica. Dal 2012 è direttore responsabile del periodico “Paperboy”, unica testata giornalistica in Italia interamente realizzata da praticanti giornalisti affetti da disabilità psichiche e motorie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *