Afragola, domani inaugurazione della stazione dell’alta velocità

Con sette anni di ritardo rispetto alle previsioni, la conclusione dei lavori era originariamente fissata al 2008, sarà inaugurata domani la stazione ferroviaria di Afragola. Il cantiere è stato aperto nel 2003, ma i lavori sono andati avanti a singhiozzo fino alla definitiva ripresa nel 2015. L’opera, progettata dall’architetto anglo-irachena Zaha Hadid, è destinata a diventare, almeno nelle intenzioni, uno snodo fondamentale della rete di collegamento su ferro nel Mezzogiorno. Proprio per sottolineare l’importanza dell’opera domani a tagliare il nastro ci sarà il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, accompagnato dal ministro dei Trasporti Graziano Delrio e dal governatore campano Vincenzo De Luca.

Le prospettive – Per la realizzazione della stazione ferroviaria di Afragola sono stati investiti 62 milioni di euro. Una cifra criticata da alcuni, soprattutto in considerazione del ruolo che nel prossimo futuro la struttura sarà chiamato a svolgere. Ad Afragola, infatti, per il momento è previsto l’arrivo di trentasei convogli al giorno: diciotto Frecce di Trenitalia e diciotto Italo di Ntv. Stando alle previsioni con questi numeri il traffico passeggeri quotidiano ad Afragola dovrebbe attestarsi sulle 10mila unità. La vera svolta, tuttavia, dovrebbe arrivare dopo il 2022: entra quella data, infatti, dovrebbe essere completato il collegamento ferroviario ad alta velocità tra Napoli e Bari. Visti i precedenti,però, è legittimo credere che il termine slitterà ad un più lontano futuro: i lavori per l’alta velocità tra le due metropoli meridionali sono stati appaltati solo lo scorso 27 febbraio. Più attuali, invece, sono i problemi denunciati dai sindaci dei comuni vicini alla nuova stazione ferroviaria: i primi cittadini segnalano la carenza di collegamenti tra la stazione dell’alta velocità, realizzata in piena campagna, ed i centri urbani e le altre infrastrutture.

Clemente Ultimo
Clemente Ultimo
Clemente Ultimo – vicedirettore Più Mezzogiorno – Giornalista professionista, classe ’76, si è occupato per diversi quotidiani (Corriere del Mezzogiorno ed Il Mattino tra gli altri) di politica, economia, sanità. Ha curato la comunicazione istituzionale per il Consorzio Aree di Sviluppo Industriale di Salerno. Scrive articoli di geopolitica e politica internazionale per una rivista tematica online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *